Menu

CONAI logo 0Quali sono le soluzioni più virtuose nella progettazione e nella produzione di imballaggi ecosostenibili realizzate e adottate dalle aziende italiane nel triennio 2011-2013? Ad illustrarle nel suo nuovo Dossier Prevenzione 2013 il CONAI, in occasione dei SetteGreen Awards 2013, di cui il consorzio era promotore.

Il Dossier Prevenzione, che viene pubblicato con cadenza triennale e che è ormai giunto alla quinta edizione, rientra nel più ampio progetto Pensare Futuro, che raccoglie tutte le iniziative ideate e messe in atto da CONAI sul fronte della prevenzione dell'impatto ambientale degli imballaggi.

L'edizione 2013, che racconta 51 casi presentati da 30 aziende diverse, dedica ampio spazio alle nuove soluzioni di packaging e presenta una significativa casistica degli imballaggi ecosostenibili presenti sul mercato, facilmente identificabili tra i prodotti di uso comune, sottolineando come la crescente sensibilità nei confronti dell'ambiente abbia portato ad un maggiore impegno da parte delle aziende.

Il Dossier è costituito da sei sezioni: quattro sono dedicate ai settori di mercato degli Alimentari solidi, Alimentari liquidi, Detergenza domestica e Altri settori (beni durevoli, chimico, elettrico e movimentazione), alle quali si aggiungono la sezione Idee per contenere, che si sofferma su esempi di packaging alternativi, e la nuova sezione Idee per l'estero, dedicata agli imballaggi ecosostenibili destinati al mercato estero.

I 110 interventi di prevenzione che vengono raccontati nel Dossier 2013, e che hanno determinato una riduzione del 22% delle emissioni, riguardano l'applicazione di azioni di prevenzione quali il risparmio di materia prima, l'ottimizzazione della logistica, l'utilizzo di materiale riciclato, la facilitazione delle attività di riciclo, la semplificazione del sistema di imballo e il riuso. A quest'ultima azione è dedicata anche la nuova Appendice 2, in cui vengono descritti i principali sistemi esistenti nelle filiere di imballaggio maggiormente interessate.

Per partecipare al Dossier, le aziende hanno compilato un questionario online utilizzando l'Eco Tool CONAI, uno strumento che permette di valutare l'efficienza ambientale (vale a dire, l'ecoefficienza) degli imballaggi attraverso un confronto, in termini di impatto ambientale, tra il prima e il dopo l'adozione di un particolare intervento. Nello specifico, l'Eco Tool consente di calcolare gli effetti delle azioni attuate dalle aziende sui propri imballaggi in termini di riduzione di emissioni di CO2, riduzione dei consumi energetici e riduzione del consumo di acqua.

Nel corso di oltre un decennio dall'avvio della sua pubblicazione, il Dossier Prevenzione CONAI ha raccontato circa 700 interventi di prevenzione, presentati in oltre 330 casi che hanno riguardato tutti i materiali di imballaggio: acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro.

CONAI stima che i risultati di oltre 15 anni di attività di prevenzione messa in campo dalle aziende del packaging equivalga a benefici e risparmi economici e ambientali per la collettività pari a 540 milioni di euro.

Lisa Vagnozzi

LEGGI anche:

Sette Green Award ed E.on Energia Awards 2013: tutti i vincitori

Accordo Anci-Conai: le proposte dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani su rifiuti e imballaggi

GreenBiz.it

Network