Menu

trento protocollo green economyAsfalti silenziosi e sicuri grazie alla gomma riciclata ricavata dagli pneumatici fuori uso (PFU). Il Consorzio dei comuni Trentini ha firmato un protocollo di intesa con Ecopneus, realtà italiana che si occupa di gestire gli pneumatici giunti a fine vita e del loro riciclo. La gomma recuperata verrà utilizzata per realizzare pavimentazioni stradali di lunga durata e che potranno garantire una maggiore sicurezza.

Si tratta di un esempio di collaborazione tra i settori del pubblico e del privato che mira a trasformarsi in un modello per gli altri Comuni della provincia di Trento, che potranno utilizzare e testare in prima persona i nuovi asfalti ricavati dal riciclo degli pneumatici.

Il protocollo prevede la realizzazione di diverse varianti delle pavimentazioni stradali gommate, al fine di promuovere nuove competenze ed opportunità di sviluppo di progetti imprenditoriali sul territorio. Verranno inoltre realizzate iniziative per stimolare la domanda da parte del settore pubblico, grazie a convegni e incontro destinati alla Pubblica Amministrazione, che potrebbero portare anche a modificate le legislazione provinciale. Il tutto si inserisce in un progetto più ampio, dedicato alla green economy, che interessa Trento e provincia.

"Abbiamo la possibilità di non parlare solo di green economy ma anche di farla, praticarla attraverso azioni importanti, che possono sostenere l'economia e l'occupazione sul territorio" - commenta il Sindaco di Transacqua e Presidente del Consorzio dei Comuni Trentini, Mario Simoni. "Stiamo lavorando fortemente per estendere questa prima esperienza che abbiamo fatto, facendola vedere ai nostri amici amministratori del territorio, toccandola con mano, per trasferirla anche ad altre realtà, facendo una convenzione aperta che coinvolga da una parte le imprese del territorio e dall'altra le istituzioni".

L'iniziativa prevede un'estensione ad altri settori dell'impiego della gomma riciclata ricavata dagli pneumatici fuori uso. Tale materiale può essere infatti impiegato in vari ambiti, come sottolineato da parte di Ecopneus: dallo sport, dove è utilizzato per realizzare superfici in erba sintetica, campi da gioco polivalenti e aree gioco antitrauma per i bambini, all'arredo urbano, dove la capacità di deformarsi senza rompersi ne fanno il materiale ideale per cordoli, spartitraffico, new jersey e dissuasori di sosta. Nell'edilizia, invece, la gomma riciclata da PFU costituisce un validissimo materiale per l'isolamento acustico e contro il propagarsi delle vibrazioni.

Infine, tra le finalità del protocollo vi è anche quello di favorire la nascita di progetti per la valorizzazione della gomma riciclata da PFU a compensazione delle quantità raccolte da Ecopneus, con l'obiettivo Rifiuti Zero: stimolare ogni Comune ad utilizzare, per applicazioni di pubblica utilità, tanta gomma riciclata da PFU quanta Ecopneus ne ha raccolta in quello stesso Comune.

Marta Albè

Leggi anche:

Strade meno rumorose grazie al riciclo degli pneumatici

Ecopneus: gommisti italiani per il rispetto dell'ambiente e della legalita'

Carbon footprint: Ecopneus la calcola per riciclo e recupero Pneumatici Fuori Uso

GreenBiz.it

Network