Menu

bioeconomyOggi è il giorno della presentazione di un nuovo pacchetto politico per lo sviluppo dell’economia circolare in Europa. La think tank Green Alliance ha condotto uno studio riguardo al potenziale impatto sul mercato del lavoro delle politiche incluse nel pacchetto, concentrandosi su tre delle maggiori economie manifatturiere in Europa: Italia, Polonia e Germania. Quali vantaggi porterebbe una crescita ambiziosa dell’economia circolare?

Lo studio evidenzia che misure sufficientemente ambiziose potrebbero ridurre il tasso di disoccupazione e creare risparmi per 3 miliardi di euro annui. Solamente all’interno di queste tre economie, lo sviluppo dell’economia circolare ridurrebbe la disoccupazione a livello regionale e professionale, ricollocando 270 mila persone nel mercato del lavoro.

In Italia questo significherebbe:

- ampio potenziale di sviluppo della bioeconomia nell’ambito alimentare e delle biotechnologie, attività principalmente presenti al Nord (solo il 22% degli impianti di compostaggio e combustione anaerobica sono collocati al Sud e nelle isole, nonostante tali regioni costituiscano all’incirca la metà del terreno agricolo italiano);

- due terzi dei nuovi impieghi legati all’economica circolare collocati nel Sud e nelle isole, una ridistribuzione che potrebbe mitigare le ineguaglianze geografiche legate alla disoccupazione. Per esempio, lo scenario medio dell’analisi evidenzia una riduzione del tasso di disoccupazione pari a 90.000 persone.

In Polonia il potenziale di crescita è maggiore nelle industrie manufatturiere caratterizate da impieghi a tempo indeterminato. La Polonia attualmente possiede una proporzione di lavoratori soggetti a contratti precari pari a due volte la media Europea, rendendo il prospetto di contratti a tempo indeterminato particolarmente attraente.

La Germania ha il più basso tasso di disoccupazione in Europa, ma ci sono ampie opportunità legate alla riduzione delle ineguaglianze tra est ed ovest. Concentrandosi sullo sviluppo di servizi che permettono ai consumatori di utilizzare beni manifatturieri senza peraltro possederli, gli impieghi possono essere creati nell’est della Germania dove il tasso di disoccupazione è, in rapporto, relativamente elevato.

Dustin Benton di Green Alliance, afferma: “La nostra analisi mostra che, tramite uno sviluppo più ambizioso delle nostre industrie di riciclaggio, rimanifattura, e riuso, si potrebbero ottenere dei significativi benefici sociali ed ambientali. Tali benefici possono essere riprodotti a livello Europeo tra paesi soggetti a barriere geografiche, economiche e lavorative divergenti. Ci auguriamo che le misure proposte domani portino ad un migliore design dei prodotti, che ripaghino i produttori impiegati nel riciclo e nella rimanifattura, e che riformino i mercati per i materiali secondari”.
Per Nick Molho, direttore esecutivo del gruppo aziendale inglese Aldersgate Group, se sufficientemente ambizioso e supportato da misure concrete rivolte alla rapida crescita nell’utilizzo di materiali secondari, questo nuovo pacchetto legislativo rappresenta un’opportunità unica per rilanciare l’efficienza delle risorse, la competitività e la crescita dell’economia europea. La Commissione, il Consiglio, e il Parlamento europeo devono cogliere questa opportunità”.
Martin Hirschnitz-Garbers, socio senior presso la think tank tedesca Ecologic Institut, commenta: “Lo sviluppo dell’economia circolare potrebbe offrire grandi benefici. Andare oltre il tradizionale mercato della gestione dei rifiuti (con benefici ambientali e salutari associati) e rinforzare il ruolo svolto dalla prevenzione dei rifiuti, dal riutilizzo e dalla rimanifattura dei prodotti o componenti, porterà a nuove ed innovative opportunità di lavoro. L’economia circolare potrebbe anche influire sulla motivazione degli impiegati, aumentando la gratificazione professionale. Dunque ci auguriamo che la rivisitazione del pacchetto sull’economia circolare si riveli sufficientemente ambizioso da realizzare tale potenziale”.
Katharina Reuter, AD della Green Business Association tedesca, parla invece di target da fissare: Abbiamo bisogno di target obbligatori per ridurre l’utilizzo delle risorse. Per noi è di vitale importanza la delineazione di un numero di target per il riutilizzo e riciclaggio, in particolare nel settore tessile, dell’arredamento e dell’elettronica".
Infine, il commento di Patrick ten Brink, dell’Istituto per la Politica Ambientale Europea (IEEP): “La transizione verso un’economia circolare permetterà di mantenere il valore delle risorse naturali e dei materiali all’interno dell’economia, minimizzando gli sprechi. Inoltre salvaguarderà le risorse, limiterà l’impatto ambientale dell’inquinamento atmosferico, e aiuterà a creare nuovi posti di lavoro tramite lo sviluppo di nuove competenze. Per esempio, le economie mondiali utilizzano 300 milioni di tonnellate di plastica all’anno, di cui 10 milioni di tonnellate vengono trasformate in rifiuti marini che pesano sul nostro ecosistema, sulle nostre coste e corsi d’acqua, sulla nostra società e su un’ampia gamma di attivita’ economiche. Maggiore riutilizzo, riparazione, rimanifattura e riciclaggio permetteranno di mantenere il valore della plastica all’interno dell’economia e al di fuori degli oceani. Attendiamo con ansia l’imminente proposta della Commissione Europea per realizzare queste opportunità”.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Green Economy: le strategie sul clima come opportunità per le imprese italiane

Situazione dei rifiuti in Europa: l’Unione promuove sempre più la Raccolta Differenziata

Il riciclo della plastica visto da dentro: due passi nell'industria del recupero di Montello (VIDEO)

GreenBiz.it

Network