Menu

oss ecoCirca un quarto delle imprese italiane è 'green oriented'. Si tratta di imprese che hanno saputo fare di innovazione e ambiente un fattore di competitività e una ricetta anticrisi.

Ci sono imprese legate all'agricoltura, che hanno riscoperto il valore del territorio come fonte di competitività, ci sono quelle appartenenti a settori industriali in cui l'evoluzione green è ormai un dato acquisito o quelle dell'edilizia o dei trasporti che hanno adottato processi innovativi sostenibili.

Proprio per incentivare il potenziale innovativo delle imprese green "made in Italy" e darne visibilità anche verso gli investitori e i mercati internazionali è stato presentato oggi l'Italian Council for Eco Innovation, l'Osservatorio Innovazione e Tecnologia per la Green Economy.

È il frutto di un partenariato tra il Ministero dell'Ambiente e la Fondazione per lo sviluppo sostenibile con il supporto dell'ICE- Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane.

D'altronde, è proprio quello che è già accaduto, ad esempio, nel termodinamico, come ci ha spiegato Gianluigi Angelantoni, Presidente di Archimede Solar Energy e di Anest. Si tratta, ricordiamolo, di una tecnologia nata nei laboratori italiani dell'Enea, sotto la guida del professor Carlo Rubbia, dove è stato posto il seme che si è trasformato in una filiera di imprese made in Italy di successo.

Anche l'Italy Cleantech Network, progetto lanciato nel 2013 dal Ministero dell'ambiente, si prefigge lo scopo di incentivare l'innovazione attirando investitori stranieri e agevolare l'accesso al mercato internazionale da parte delle PMI e delle start-up impegnate nel campo delle tecnologie pulite. Così, il lancio dell' l'Italian Council for Eco Innovation è diventato l'occasione ideale per presentare anche il Rapporto "Italy Cleantech 10: a lens on innovative SMEs in Italy", redatto dal Cleantech Group Inc., in collaborazione con Italy Cleantech Network e l'Agenzia ICE.

Tra le aziende italiane presentate nel Rapporto come le migliori nel campo dell'innovazione cleantech in Italia, c'è i-EM, che opera nel settore delle fonti rinnovabili dal 2005 ed è impegnata a fornire soluzioni per la gestione intelligente e integrata dell'energia.

Un ottimo esempio di imprenditoria innovativa e green tutto italiano è, infine, Underground Power, che è entrata nella Top Ten grazie a LYBRA, un dispositivo che recupera l'energia dei freni delle auto, solitamente sprecata (LEGGI Auchan produrrà energia dai dossi stradali del parcheggio).