Menu

cravattephillyNon sempre si ha a disposizione il vestito giusto per il momento giusto. Ci sono persone che non ne hanno uno semplicemente perché non possono permetterselo. Così la biblioteca di Phildelphia è diventata una “tiebrary e offre in prestito non solo libri ma anche cravatte.

Una cravatta può servire ad esempio in un momento molto particolare, quello di un colloquio di lavoro. Alla biblioteca di Philadelphia ce ne sono 48 pronte per essere prese in prestito, da quelle più eleganti e tradizionali a quelle variopinte e allegre. Basta avere la tessera della biblioteca per poterne ottenere una in prestito anche fino a 3 settimane.

Tutto è nato per aiutare gli uomini senza lavoro, una moltitudine purtroppo, soprattutto residenti nella zona della città a sudovest, dove si trova la biblioteca di Paschalville Branch. Si tratta infatti di un’area caratterizzata da alti tassi di disoccupazione (18,5%) e povertà (34%), che ospita molti immigrati ed ex carcerati in cerca di lavoro e nuove chance. Così la biblioteca ha deciso di aiutare la comunità, dove il 25% delle persone in età da lavoro ha al massimo un diploma e dove il 39% non è comunque andata oltre questo.

Ad un certo punto Nate Eddy, bibliotecario e strategy coordinator della biblioteca, ha preso ispirazione dalla biblioteca Queens Public Library di New York e dalle iniziative simili che realizzava. Tutto è iniziato con l’acquisto di 12 cravatte, da inviare alla struttura di Paschalville.

Poi la palla è passata all’assistente bibliotecario Omelio Alexander, che l’ha resa un progetto più ambizioso: alcuni vecchi espositori di VHS sono stati convertiti in espositori per le cravatte e dove è stato messo a punto il sistema di prestiti.

Anche il sindaco di Philadelphia Jim Kenney ha apprezzato l’iniziativa – che si inserisce in una serie di azioni a sostegno delle persone più svantaggiate – e ha twittato la novità oltre che essersi recato in visita e aver spinto sui social le donazioni di cravatte:

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Baratto amministrativo: lavori socialmente utili per i cittadini in debito con i comuni

5 modi in cui internet ha cambiato il rapporto tra chi cerca e chi offre lavoro

I manager sensibili che offrono un lavoro a chi ruba per fame

GreenBiz.it

Network