Menu

corso_fotovoltaicoI green jobs spopolano in Germania raggiungendo la cifra di 340 mila occupati nel settore delle energie rinnovabili. A fare il quadro dell'occupazione sostenibile è stato il ministero dell'Economia e della tecnologia tedesco in collaborazione con l'Istituto di ricerca sulle strutture economiche (Gws).

Attraverso il rapporto "Erneuerbar beschäftigt!" (Occupato rinnovabile!) sono stati mostrati i vari aspetti della nuova economia tedesca. Per comprendere le dimensioni del fenomeno, basti pensare che entro il 2030 si stima che gli occupati del settore saranno oltre 650 mila.

Al momento, in testa alla classifica troviamo l'ambito delle biomasse, che nel 2009 ha dato lavoro a 128 mila persone. Una cifra rilevante se si pensa che rispetto a 5 anni fa, al 2004, la percentuale di occupati è del 125% in più. Segue l'eolico con 102 mila lavoratori, che negli ultimi anni ha avuto in incremento del 60%, cifra minore rispetto ad altri campi, a causa del fatto che nel 2004 l'energia eolica era più sviluppata. All'opposto, l'energia solare è quella che ha triplicato i propri occupati (+221%) rispetto al 2004, arrivando a 64 mila e 700 addetti.

Ma la testa della classifica per la crescita maggiore va al geotermico, con un aumento del 706% rispetto al 2004 che lo ha portato all'occupazione di 14 mila e 500 addetti.

Alla base del successo dei green jobs e della sempre maggiore diffusione di questo tipo di occupazione vi è la forte spinta politica della Germania in favore delle energie rinnovabili ma soprattutto la tendenza internazionale, visto che gran parte del fatturato delle industrie tedesche delle energie rinnovabili è legata alle esportazioni.

Francesca Mancuso

 

Network