Menu

model3teslaLa prima fabbrica di Tesla in Europa potrebbe sorgere in Francia, al posto di una centrale nucleare. Di sicuro al colosso di Elon Musk serve un ritocco alla strategia produttiva, visto il boom di prenotazioni della Model 3. Intanto, arriveranno presto anche nuove stazioni di ricarica in tutta Italia.

TESLA IN FRANCIA - Il sito in questione è Fessenheim e l’annuncio è di Segolene Royal, ministro dell’Ambiente, che ha ricordato la chiusura della centrale entro l’anno e ha dichiarato di aver preso contatti con Musk. Quest’ultimo però sarebbe indeciso tra Francia e Germania, sebbene la Royal ha parlato di un incontro imminente con i vertici della Tesla. Il progetto consentirebbe quindi di riconvertire il sito nucleare, anche se sorgono problemi molto pratici legati alla bonifica, mentre Tesla di sicuro ha bisogno di un sito a regime in tempi brevi.

ORDINI RECORD - Intanto, Elon Musk può vantare ordini record per la Model 3, a sabato già 276 mila. E questi numeri da capogiro sono stati comunicati in stile Musk, su Twitter. Le prenotazioni erano scattate il 31 marzo e ora il problema principale è soddisfarle.

È anche vero che il meccanismo delle prenotazioni consente di versare un deposito di mille dollari/euro e di riaverli indietro in caso di ripensamento, ma restano cifre su cui Tesla deve ragionare per poter essere all’altezza delle aspettative. Le consegne non inizieranno prima della fine del 2017 negli Usa, poi proseguiranno altrove, comunque a scaglioni.

TESLA IN ITALIAArriveranno intanto entro fine anno i Superchargers, le colonnine per ricaricare i veicoli elettrici su tutto il territorio italiano. Buone notizie per la mobilità elettrica, visto che esistono attualmente 12 stazioni di ricarica ma solo al Centro-Nord.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Veicoli elettrici, competitivi entro il 2025. Saranno il 35% delle vendite al 2040

Tesla, nuovo spot. Ma è un fake realizzato dagli ammiratori (VIDEO)

Elon Musk e il sogno degli Usa alimentati al 100% da energia solare

GreenBiz.it

Network