Menu

burger_kingAnche il fast food ha deciso di investire nelle rinnovabili. Burger King ha presentato a Waghäusel, in Baviera, il suo primo ristorante ad alta efficienza energetica. Il prototipo, realizzato in collaborazione con Wirsol Solar AG, utilizza una tecnologia d'avanguardia e fonti di energia rinnovabile, che consentono di risparmiare oltre il 45% di elettricità, grazie all'utilizzo di sistemi fotovoltaici ed eolici. Un sistema che si traduce in un risparmio energetico complessivo di oltre 120 tonnellate di CO2 all'anno.

Si tratta dunque di un concetto innovativo nel settore della ristorazione e interessante anche sotto il profilo economico. La nuova tipologia di ristorante si auto-sostiene per circa un terzo del suo fabbisogno energetico consentendo di risparmiare anche sui costi di gestione a lungo termine.

"Con l'apertura di questo ristorante, si introduce un concetto di efficienza energetica che farà tendenza, in linea con il nostro programma globale di responsabilità' sociale e con il nostro impegno ambientale", ha spiegato Jonathan Fitzpatrick, general manager di Buger King in Germania. "Il fattore determinante – ha aggiunto Heinz-Peter Dickes, responsabile sviluppo Burger King per l'Europa Centrale – è la combinazione di una costruzione a efficienza energetica con l'uso ottimale del potenziale energetico esistente e la generazione di elettricità mediante i sistemi propri del ristorante, ottenuta a un costo che rende possibile la produzione in serie".

Nel fast food verde 723 pannelli solari generano oltre 53.500 kWh di elettricità all'anno, che corrispondono al consumo di 15 abitazioni abitate da quattro persone per 12 mesi. Luci Led a lunga durata, inoltre, riducono del 55% il consumo di energia per l'illuminazione. "Il fatto che le nostre soluzioni fotovoltaiche possano integrarsi nel concept dei ristoranti Burger King in tutto il mondo dimostra che l'energia rinnovabile sta diventando sempre piu' importante anche per l'economia" ha precisato Markus Wirth, Ceo di Wirsol.

La produzione di acqua calda che, in un tipico ristorante Burger King incide per quasi la metà del consumo energetico, può essere oggi ottenuta semplicemente usando la perdita di calore in eccesso dell'energia generata. A Waghausel, il tipico traliccio elettrico delle pubblicità sarà sostituito da una turbina eolica, capace di contribuire all'alimentazione elettrica del ristorante per un valore fino a 2.500 kWh. La sede sarà dotata anche di una postazione di ricarica elettrica a energia solare.

A questo punto dunque non possiamo che sperare che anche le altre maggiori catene mondiali di fast food possano lasciarsi guidare da Burger King sulla strada del rispetto dell’ambiente.

Redazione GreenBiz,it


GreenBiz.it

Network