Menu

pirch2Fare una doccia calda o infornare dei biscotti: attività che ora si possono fare anche negli store di Pirch, che autorizza i potenziali clienti a testare i prodotti prima di acquistarli.

L'idea alle spalle di questa trovata è che le persone si aggirano nei negozi Pirch – 8 punti vendita negli Usa per un fatturato di oltre 3 mila dollari al metro quadrato – e poi acquistano in molti casi, ma soprattutto sognano come sarebbe utilizzare alcuni oggetti. Oggetti di lusso, molto costosi.

Se in media questi potenziali clienti passano 2 ore e 11 minuti negli store, adesso sicuramente il tempo di permanenza diventerà più lungo. Ne è convinto anche il CEO Jeffery Sears, che ha fondato la catena nel 2009 insieme a James Stuart. Così, da Pirch i dispositivi più costosi sono posti accanto ad altri più abbordabili in scenari quotidiani domestici, non esposti su scaffali freddi, un modello accanto all'altro.

E i clienti possono provarli, immaginando come sarebbe averli a casa propria. Nel punto vendita di SoHo c'è sempre uno chef ai fornelli e si sprigionano aromi in tutta la cucina. Il Sanctuary è provvisto di una spa e può essere prenotato, mentre il Bliss Cafe ha tutti gli ingredienti per preparare cappuccini e bevande varie.

La cosa interessante è che non ci sono informazioni accanto ai vari prodotti, soltanto il prezzo. E Pirch non vende online, da un lato perché si tratta di oggetti di lusso, dall'altro perché si resta fedeli alla tradizione. Non si investe nemmeno in pubblicità, ad attirare il cliente è ancora il vecchio passaparola. Almeno secondo l'azienda, che dice di investire il budget che avrebbe potuto destinare al marketing in nuovi modi per soddisfare il cliente.

Ci sarà comunque presto un nuovo sito web dove l'esperienza del punto vendita sarà estesa. Scelta sbagliata? Assolutamente no, visto che i guadagni sono più alti della maggior parte delle aziende (compresa Tiffany ad esempio) e che nel 2015 i profitti sono stati di circa 225 mln di dollari, con una crescita doppia rispetto all'anno prima. Nel prossimo futuro anche l'apertura di altri 4 store.