Menu

lavoro fa ingrassare

Vita sedentaria e aumento di peso. Alcuni situazioni lavorative possono portare ad un effetto collaterale indesiderato: i chili di troppo. Le aziende dovrebbero tenere conto della salute dei lavoratori per agevolare la loro possibilità di svolgere attività fisica nei momenti di pausa.

Sarebbe inoltre opportuno introdurre un servizio mensa che offra dei piatti salutari, dare ai dipendenti il tempo di consumare i pasti con calma e ridurre le situazioni di stress. Anche i dipendenti stessi possono modificare in meglio la propria vita lavorativa, soprattutto se è molto sedentaria e stressante, ecco alcuni consigli utili.

1) Troppe responsabilità

Avere troppe responsabilità sul lavoro è causa di stress a lungo termine. Chi si trova sotto stress, secondo gli esperti, tende a saltare l’appuntamento in palestra dopo il lavoro e a dedicarsi ad attività sedentarie, come trascorrere del tempo davanti alla tv o al computer. L’attività fisica non solo mantiene il corpo in allenamento, ma risolleva il morale. Il consiglio è di vincere la pigrizia per sentirsi meglio.

2) Rincasare tardi

Le persone che rimangono in ufficio oltre il normale orario di lavoro tornano a casa tardi e dunque spostano in avanti l’orario della cena. In questo modo il corpo avrà meno tempo per consumare le calorie dell’ultimo pasto della giornata. Anche il sonno sarà problematico – insufficiente o difficoltoso per via della digestione – e l’organismo faticherà a rimanere in forma.

3) Turni di notte

Chi lavora con i turni di notti potrebbe avere delle difficoltà a regolare i propri ritmi sonno-veglia con conseguenze anche sulla distribuzione dei pasti e sul senso di fame. Il ritmo circadiano del nostro organismo viene messo in difficoltà con i turni di notte. Chi si rende conto di assumere calorie in eccesso durante questi turni di lavoro, dovrebbe programmare spuntini più leggeri del solito.

4) Pendolari in auto

Percorrete tutti i giorni in auto il tragitto da casa al lavoro? Allora provate, se potete, a modificare le vostre abitudini almeno ogni tanto. Se potete, prendete i mezzi pubblici e raggiungete il luogo di lavoro a piedi dalla stazione. Oppure parcheggiate l’auto a circa un chilometro di distanza in modo da garantirvi una passeggiata di almeno 20 minuti al giorno tra andata e ritorno.

5) Vita sedentaria

Chi lavora in ufficio è svolge una vita molto sedentaria vede aumentare le possibilità di prendere peso se non si dedica ad un’attività fisica regolare. Il consiglio degli esperti, secondo un nuovo studio, è di alzarsi dalla scrivania ogni ora per dedicarsi ad una passeggiata di almeno due minuti se non si ha più tempo a disposizione.

6) Scarsa illuminazione

Gli uffici dovrebbero sempre essere ben illuminati grazie alla luce naturale proveniente dalle finestre, ma non tutti hanno la fortuna di avere una finestra vicino alla scrivania. La presenza di luce naturale aiuta il corpo a regolare il proprio orologio biologico e di conseguenza i ritmi legati a riposo e alimentazione. Chi lavora in un luogo dove l’illuminazione è soprattutto artificiale, dovrebbe cercare di godere delle ore di luce del mattino facendo una passeggiata prima di andare al lavoro.

7) Fast food e take-away

La presenza di un fast food o di un take-away vicino al luogo di lavoro aumentano la probabilità di consumare cibo molto calorico e di andare incontro ad un aumento di peso. Se non possiamo fare a meno di mangiare fuori, scegliamo le opzioni più leggere presenti nel menù e i locali più attenti ad offrire cibo salutare.

8) Troppa caffeina

L’assunzione di caffeina in eccesso, ancora di più quando si consuma il caffè zuccherato, può portare all’aumento dei picchi glicemici e a lungo andare causare insulino-resistenza. Il consiglio degli esperti è di saltare la pausa caffè delle 15 e in alternativa di uscire a fare una passeggiate per rigenerarsi.

9) Stress eccessivo

Chi è stressato sul lavoro tende ad arrivare a casa praticamente esausto. Quando può, corre a riposarsi ed azzera la propria vita sociale oppure si consola con cibo ben poco salutare. Meglio ritrovare il proprio equilibrio, impegnarsi ad uscire con gli amici, a svolgere un’attività ricreativa o sportiva. Se il vostro lavoro vi rende davvero infelici, forse è il momento di rivolgersi altrove.

10) Troppe calorie

Bibite gassate, snack confezionati e piatti poco salutari possono portare ad un consumo eccessivo di cibo. Meglio scegliere bevande naturali e non zuccherate, come acqua e tisane da portare da casa in un thermos. Se potete, portate con voi da casa anche qualcosa di leggero da mangiare in pausa pranzo.

Marta Albè

Fonte foto: Green Health and Fitness

Leggi anche:

Pausa pranzo bio in ufficio: arriva la cassetta Bioexpress
Pausa pranzo: a Treviso i primi distributori automatici con dolci vegan
10 segnali per capire se è il momento di cambiare lavoro

GreenBiz.it

Network