Menu

orari lavoro sonno oxford

Iniziare a lavorare prima delle 9 del mattino è una tortura. Lo afferma uno dei massimi esperti del sonno dell’Università di Oxford, che vorrebbe posticipare l’entrata al lavoro e l’inizio delle lezioni a scuola alle 10, o addirittura alle 11.

A parere dell’esperto, il dottor Paul Kelley, iniziare a lavorare presto alla mattina è causa di stress e lascia le persone esauste per via della mancanza di un adeguato riposo. L’abitudine di iniziare a lavorare prima delle 9 rappresenterebbe una minaccia per la salute e per la produttività fino all’età di 55 anni.

Infatti, dai 55 anni in poi, le persone hanno bisogno di un numero minore di ore di sonno. L’esperto punta soprattutto sulla necessità per l’intera società di un vero e proprio cambiamento dei tempi e dei ritmi di lavoro e di studio in modo da adattarsi all’orologio biologico naturale del corpo umano.

Le imprese che obbligano i dipendenti ad iniziare a lavorare prima delle 9, secondo Kelley, rischiano di danneggiare le loro capacità produttive fino a causare problemi di memoria e di salute.

La mancanza di sonno influenza soprattutto l’attenzione e la memoria a lungo termine. Inoltre secondo i ricercatori può influenzare l’inclinazione a consumare alcol e droga. Può anche provocare rabbia, frustrazione, stress e problemi di salute mentale.

Secondo l’esperto, la carenza di sonno è nociva fin da piccoli, tanto che l’ingresso a scuola per i bambini dovrebbe essere posticipato alle 11. Rimanere a letto più a lungo migliorerebbe i risultati scolastici del 10%.

Dato che cambiare gli orari abituali delle aziende, dei luoghi di lavoro e delle scuole non è un’impresa semplice, l’unica soluzione per sentirsi più riposati al mattino è quella di cercare di andare a dormire prima e di recuperare dunque delle ore di sonno alla sera.

Marta Albè

Fonte foto: Natural Health Advisery

Leggi anche:

10 ore di lavoro, anche di notte: giovani agricoltori italiani sfruttati e molestati in Australia
10 passi per migliorare la produttività sul lavoro
Controllare da casa le e-mail di lavoro causa stress

GreenBiz.it

Network