Menu

immagineProgetto Manifattura è il primo incubatore certificato di cleantech in Italia.

La certificazione rilanciata da Unioncamere, l'Unione italiana delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, è stata consegnata all'incubatore trentino di Rovereto specializzato in start-up clean tech ieri 30 giugno, un primato anche per il Trentino che fino ad oggi non aveva alcun incubatore certificato.

Oggi in Italia esistono oltre 100 incubatori, ma solo 26 di questi hanno il riconoscimento certificato secondo le procedure di Unioncamere. La certificazione degli incubatori è un procedimento nato con la legge 221, noto come Decreto Crescita 2.0 del 2012 voluto dall'ex Ministro Passera, con lo scopo di incentivare la costruzione di incubatori di eccellenza.

Per ottenere la certificazione l'incubatore di Rovereto ha dovuto mostrare di avere tutti i requisiti d'idoneità, quali strutture ricettive adeguate, attrezzature per lo sviluppo d'impresa di alto livello, trasferimento know-how, spazi prototipazione. Gli amministratori hanno inoltre mostrato di avere tutte le competenze in materia di impresa ed innovazione e comprovata esperienza nell'attività di sostegno e mentoring alle start-up. Infine è stato fondamentale dimostrare l'esistenza di rapporti di collaborazione con il mondo della ricerca universitaria e il mondo dei VC e altri partner finanziari.

Un riconoscimento meritato che sottolinea il lavoro professionale che stiamo facendo a Progetto Manifattura», spiega Gianluca Salvatori, ideatore di Progetto Manifattura. «Questo ci permetterà di poter attirare ancora più start up e dare fiducia agli investitori grazie a questo riconoscimento, da tutta Italia e dal resto del mondo. Progetto Manifattura con quasi 9 ettari di spazi per imprese è anche uno dei più grandi ed innovativi, grazie ai servizi che si offrono, incluso un "Fablab" gestito da Witted, una start-up creativa che sta costruendo il centro di prototipazione più ambizioso tra quelli degli incubatori nostrani».

Gli incubatori possono rivestire un ruolo strategico nel supporto a nuove iniziative imprenditoriali ad alto valore aggiunto per economia nazionale, ed è per questo che il Ministro dello Sviluppo economico ha inteso identificare e valorizzare le strutture di incubazioni eccellenti, come la Manifattura.

"La sfida che il Ministero dello Sviluppo Economico lancia non solo a Progetto Manifattura, ma anche a tutti gli altri 25 incubatori è quella di ergersi a punti di atterraggio preferenziali per imprenditori innovativi provenienti da tutto il mondo sfruttando le semplificazioni burocratiche introdotte attraverso la policy di recente avvio Italia Start Up Visa", conclude Mattia Corbetta, membro della segreteria tecnica del Ministero dello Sviluppo Economico.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Progetto Manifattura: il primo hub europeo per start-up e imprese green (FOTO)

Start up: 10 mosse per il successo degli incubatori aziendali

Eco-innovazione nella green economy: come aiutare imprese e pmi italiane? (VIDEO)

Rockstart Accelerator: al via l'incubatore che sostiene le start up energetiche

GreenBiz.it

Network