Menu

cemento mangiasmog txNome in codice TX Active. In altre parole cemento autopulente, in grado di sfruttare la luce del sole per per abbattere gli inquinanti trasformandoli in sostanze meno nocive. Un'idea sviluppata dal chimico di Italcementi Luigi Cassar, in finale nella categoria “Industry” agli European Inventor Award dell'EPO, l'European Patent Office.

Cos'è TX Active? Si tratta di un principio attivo fotocatalitico per materiali cementizi, capace di eliminare le sostanze inquinanti presenti nell'aria. Un prodotto in realtà tutt'altro che nuovo visto che è stato brevettato nel 1996.

Il cemento autopulente sviluppato da Cassar e dal suo team si basa su ingredienti fotocatalitici, ovvero sostanze che reagiscono se esposte alla luce del sole. In questo caso, i fotocatalizzatori vengono aggiunti alla miscela di calcestruzzo principalmente sotto forma di anatasio, una delle tre forme minerali del biossido di titanio.

Il segreto sta dunque nell'aver arricchito il cemento tradizionale con tale minerale che combina chimicamente l'ossigeno con la luce solare riducendo le sostanze inquinanti prima che possano legarsi con la superficie. Il composto fotocatalizzatore può anche essere incorporato in vernici, intonaci, ma può essere usato anche per asfaltare le strade .

Utilizzando la luce solare, i fotocatalizzatori ossidano sostanze organiche e inorganiche, favorendo la rapida decomposizione degli inquinanti e impedendo il loro accumulo sulla superficie di un edificio. Nitrati e solfati vengono poi facilmente lavati via dall'acqua piovana, lasciando la superficie di cemento pulita, senza la necessità di ulteriori interventi di pulizia con prodotti chimici. Questo cemento mangiasmog è già stato utilizzato per la chiesa romana Dives in Misericordia di Roma progettata dall'architetto Richard Meier.

In una grande città come Milano ad esempio - spiega Cassar - i ricercatori hanno calcolato che, sulla base delle evidenze sperimentali, rivestire con prodotti a base di cemento contenenti Tx Active il 15% delle superfici urbane a vista consentirebbe di ridurre l'inquinamento di circa il 50%.

Il vincitore degli European Inventor Award sarà proclamato a Berlino il 17 giugno prossimo.

Per scoprire chi sono gli altri finalisti dell'edizione 2014, clicca qui

Francesca Mancuso

LEGGI ANCHE:

Inquinamento: a Malpensa arriva l'asfalto mangiasmog

Inventori dell’Anno 2013: l’unica donna premiata da Siemens è una ricercatrice italiana

Edilizia sostenibile al femminile: Daniela Ducato prima in Europa per innovazione

GreenBiz.it

Network