Menu

marciapiedeUn marciapiede che si illumina al nostro passaggio. Sicuramente un buon espediente contro lo spreco di energia ed un'illuminazione, per così dire, all'occorrenza.

È la geniale idea di un ragazzo tedesco di soli 23 anni, Tommy Müller, uno studente di microtecnica all'Università di Zwickau. E, da quanto lui stesso afferma, l'idea gli sarebbe venuta ogni volta non riusciva a farsi strada nel suo giardino a causa del buio o di qualche lampadina fulminata.

Insieme alla sua classe, il giovane ha ideato una speciale mattonella che si accende quando viene calpestata e in grado di ricaricarsi semplicemente grazie all'energia solare. In pratica, si tratta di una lastra quadrata autoilluminante ed ha una superficie di vetro infrangibile. All'interno è programmato un piccolo modulo fotovoltaico, una batteria e alcune lampadine led.

L'innovazione sta proprio nell'interazione a effetto domino che si attua tra le mattonelle ossia, quando se ne accende una, si attivano anche le altre in rapida successione fino ad un raggio di tre metri, agevolando in questo modo il passaggio e creando un sentiero illuminato.

La classe di Tommy Müller si è concentrata in special modo sull'economia e al basso consumo energetico che un tale sistema può dare. Il ragazzo, infatti, assicura che la produzione in serie potrebbe portare il costo della lastra a 25 euro. "La nostra invenzione funzionerà. Attivando la piastra su cui poggia il vetro la variazione della resistenza nei quattro sensori di pressione viene assorbita ed elaborata dal chip che comunica con le mattonelle circostanti".

L'innovativa idea ad energia solare impiegata dagli studenti tedeschi, e applicata al rivestimento del marciapiede sul quale verranno poi poste le mattonelle, verrà esposta alla gara di prototipi che si terrà a Monaco di Baviera in questi giorni.

Un progetto molto simile al marciapiede realizzato dall'aziende francese Viha Concept che ha sperimentato un marciapiede le cui mattonelle sfruttano l'energia meccanica prodotta dal loro calpestamento per trasformarla in energia elettrica. Questa fonte di energia rinnovabile potrebbe alimentare in un futuro non molto lontano anche l'illuminazione delle strade e delle autostrade, sfruttando lo spostando d'aria creato dal passaggio delle auto.

Federica Vitale

GreenBiz.it

Network