Menu

budweiserQual è la strategia di successo per raggiungere la viralità? Qui su GreenBiz.it lo abbiamo ribadito più volte: emozionare e/o divertire. Lo sanno bene i creatori del commercial più condiviso sul web in questi ultimi giorni. Si chiama "Puppy Love" ed è andato in onda durante il Super Bowl, l'evento mediatico americano per eccellenza.

Budweiser ha puntato tutto sull'amicizia tra animali e ha voluto raccontare la storia di un cucciolo di cane legato da un rapporto di affetto e amicizia indissolubile con un cavallo. È una storia commovente - o smielata, a seconda della prospettiva -, in cui il piccolo tenta continuamente di fuggire da una fattoria per andare nella stalla del suo amico.

Viene ripetutamente acciuffato e portato a casa dalla sua proprietaria, a capo del centro di "adozione", come si legge sul cartello (notare: non "allevamento"). Questo accade fino al giorno in cui viene adottato. Sta per andare via per sempre a bordo di un auto, ma i cavalli si oppongono e lo riportano indietro. Il tutto mentre l'annuncio raggiunge, ovviamente, il suo culmine e la musica si gonfia al massimo.

Che cosa ha a che fare tutto ciò con la birra? Assolutamente niente, a parte l'hashtag #bestbuds, che non a caso è stato il più utilizzato su Twitter durante la partita. Ma questo è il Super Bowl e le storie devono colpire per diventare virali.