Menu

linkedinloghiLinkedIn lancia Open Candidates, una funzione dedicata a chi vuole far sapere che vorrebbe cambiare lavoro ma teme gli sguardi indiscreti dei capi. E dedicata anche ai recruiter che possono finalmente sapere chi davvero vorrebbe “cambiare aria”.

La maggior parte delle persone usa LinkedIn come una vetrina in cui mostrare il proprio cv. In realtà si tratta di un social network in cui postare e condividere spunti interessanti, ma la ricerca di lavoro ha prevalso.

Il problema, per molti, è che vorrebbero sfruttare di più la piattaforma - oggi di Microsoft – ma hanno paura che la loro ricerca di una nuova opportunità arrivi alle orecchie dei propri capi. Ecco perché si limitano ad elencare competenze ed esperienze ma non si sentono sicuri nello sbandierare ai 4 venti il desiderio di andare oltre, di cambiare azienda.

D’altra parte, chi cerca lavoro non sempre è disoccupato, anzi. Moltissime persone semplicemente vorrebbero mettersi alla prova, vorrebbero nuovi stimoli, un altro posto di lavoro in un altro contesto che li farebbe sentire più gratificati.

Ma come fare a dirlo su LinkedIn evitando spiacevoli conseguenze? Ecco a cosa serve Open Candidates. È possibile cercare lavoro senza farlo sapere ai capi. Anche oggi è possibile candidarsi su LinkedIn senza che questo diventi di dominio pubblico, ma per i recruiter è complicato capire perché una persona che già ricopre un ruolo si stia candidando.

Funziona così: nella sezione lavoro si attiva la funzione e si indica quale lavoro si sta cercando. Il proprio capo non lo saprà mai, lo sapranno i recruiter con abbonamento Premium. Ma non cercate di corsa la funzione sul vostro profilo perché in Italia dobbiamo attendere. È infatti attiva soltanto per utenti in Usa, Canada, Australia e Regno Unito.