Menu

fbooknnewsfeedFacebook cambia ancora algoritmo, il News Feed terrà conto di altri due parametri: il tempo di lettura degli articoli e la varietà della fonte del contenuto. Il risultato per gli utenti è che compariranno più notizie di qualità, quelle che piacciono di più e provenienti da fonti diverse.

IL FEED QUALITY PROGRAM - L’annuncio ufficiale arriva da Moshe Blank, Software Engineer, e Jie Xu, Research Scientist del social network e l’obiettivo è quello di far sì che l’utente possa vedere in cima le storie per lui più rilevanti. Per fare ciò – dicono – è stato chiesto a migliaia di persone di valutare la loro esperienza quotidiana online e di suggerire miglioramenti su quanto vedono comparire quando aprono Facebook. Si chiama “Feed Quality Program”.

“Abbiamo capito che le azioni delle persone su Facebook come i like e le condivisioni non sempre ci svelano quali contenuti abbiamo più valore per loro. Ad esempio, ci sono storie che non piacciono o non vengono commentate ma che gli utenti vogliono comunque vedere, ad esempio post seri degli amici o eventi disastrosi”, scrivono.

Ecco perché un primo passo è stato dare importanza al tempo speso su un contenuto o la sua apertura (i click); in base a questo è stato migliorato il News Feed ranking, vale a dire il posizionamento dei contenuti.

TIME SPENT VIEWING – Il tempo passato a leggere o guardare un contenuto è un buon indice per capirne l’importanza. Un fattore in più, dunque, per offrire contenuti che più probabilmente saranno visualizzati e anche per sconfiggere il “clickbait”, le notizie rese eclatanti anche solo nel titolo che attirano l’utente e poi si dimostrano ami per conquistare più click da parte dei siti.

VARIETA’ DI FONTI – Alle persone piace leggere articoli da più fonti, non va quindi bene se compaiono in maniera ripetitiva sempre gli stessi. Facebook annuncia che sta lavorando per far sì che vari post della stessa fonte compaiano quindi meno frequentemente nel News Feed. Insomma, più varietà per un aggiornamento puntale e di qualità.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Facebook: il futuro è la realtà virtuale. Faremo selfie con persone lontanissime (VIDEO)

Facebook, arrivano le Reactions. Cosa cambia per le aziende?

Facebook: nuova sede a Seattle. Sul tetto un enorme parco per lavorare nel verde

GreenBiz.it

Network