Menu

weed burgerNo al fast food, sì al fast superfood salutare. Ecco lo slogan pensato per The Dutch Weedburger, un nuovo hamburger senza carne, preparato con le alghe e pensato per presentare sul mercato un nuovo prodotto alimentare sostenibile, per vegetariani e vegani e per consumatori consapevoli.

Il target del prodotto è ben definito e la mission è nobile: proporre nei ristoranti e nei nuovi fast food che puntano sull’alimentazione sana e sul biologico un alimento alternativo al classico hamburger e a tutto ciò che comporta la produzione di carne, con il relativo impatto ambientale. Nel mondo, come ormai sappiamo bene, le maggiori catene di fast food, che hanno fatto fortuna negli anni Novanta, ora sono in profonda crisi.

I motivi risiedono nel graduale cambiamento degli stili alimentari della popolazione. Il cibo non più come passatempo, ma come nutrimento e garanzia per la salute. Il nuovo hamburger senza carne è realizzato con alghe di produzione olandese. Gli imprenditori che si stanno occupando del progetto sperano che il nuovo prodotto possa contribuire a diffondere una nuova tipologia di agricoltura sostenibile in Olanda.

Mark Kulsdom, co-fondatore della società olandese Weed Burger, è convinto che in mare si possano facilmente coltivare alimenti nutrienti e ricchi di proteine. La considera una vera e propria alternativa agli allevamenti per la produzione di carne, una pratica che il nostro Pianeta non può più sostenere. Le proteine presenti nelle alghe possono rappresentare, secondo gli ideatori del nuovo hamburger, un valido sostituto della carne a livello nutrizionale. Per la sua realizzazione si utilizzano alga kombu e micro-alghe, presenti anche nel panino. La salsa per il condimento è realizzata con alghe olandesi conosciute come “lattuga di mare”.

wedd

La clientela olandese sta già apprezzando la novità e ad oggi Weed Burger viene servito in 70 ristoranti del Paese. Pare che il gusto del nuovo hamburger sia così gradevole da poter incontrare i gusti e l’interesse anche di chi non è vegetariano o vegano. La coltivazione di alghe marine per la produzione del Weed Burger rappresenterebbe il primo progetto di successo di questo tipo avviato in Olanda. Ora la società mira a diffondere lo stile di vita vegetale ampliando la disponibilità di Weed Burger a ben 700 ristoranti. Le alghe saranno il sostituto delle proteine della carne – e il nuovo business – del futuro?

Marta Albè

Leggi anche:

Just Mayo: Unilever fa causa ad Hampton Creek per la maionese senza uova

Come cambia l'dentikit del consumatore del biologico (VIDEO)

GreenBiz.it

Network