Menu

vetro contenitori 0L'87% dei cittadini europei ritiene che il vetro, per le sue qualità di sicurezza e di igienicità, sia la migliore scelta di packaging per alimenti e bevande.

Il dato, superiore di 13 punti percentuali rispetto a quello registrato del 2010, emerge dalla ricerca Look beyond the label, promossa dall'associazione internazionale FEVE e condotta lo scorso mese di febbraio dall' agenzia indipendente InSites Consulting.

La ricerca, che ha coinvolto 11 Paesi europei e oltre 8.100 consumatori (di cui circa 1.000 italiani), prende le mosse dall'analisi delle preoccupazioni principali dei cittadini, tra le quali spiccano, a sorpresa, salute e sicurezza alimentare, che precedono di alcuni punti percentuali temi quali i problemi ambientali, il terrorismo internazionale e la sicurezza pubblica.

grafici vetro 0

grafici vetro 01

E proprio a proposito di sicurezza alimentare emerge la netta preferenza dei consumatori per il vetro, motivata dal timore (comune al 66% degli intervistati) che delle sostanze chimiche possano migrare dal contenitore al contenuto, alterando così la sicurezza di cibi e bevande.

grafici vetro 1

Da questo punto di vista, gli Italiani, insieme agli Spagnoli e ai cittadini dell'Europa Orientale, sembrano i più preoccupati, collocandosi, con il 73%, qualche punto percentuale al di sopra della media europea, mentre i meno preoccupati risultano essere gli Austriaci e gli Svizzeri (51%).

Ben 8 consumatori europei su dieci (e oltre 9 per l'Italia) ritengono che le interazioni di sostanze chimiche costituiscano un pericolo per la salute. Per questo, il 60% degli intervistati ha dichiarato di nutrire forti riserve nei confronti degli imballaggi di plastica, ritenendo che possano interferire sui cibi e sulle bevande che contengono. Gli Italiani sono in linea con questo dato (62%), ma dimostrano una maggiore preoccupazione rispetto alla media europea nei confronti di lattine (53% contro 46% di media europea) e contenitori di metallo (58% a fronte di una media europea del 47%).

Le preoccupazioni relative alla salute sono un fattore chiave nella decisione di acquisto e determinano la preferenza per prodotti alimentari confezionati in vetro. Tra gli Europei che scelgono il vetro, il 61% lo ritiene il packaging più sicuro per la salute (un dato in netta crescita, visto che in un'indagine analoga condotta nel 2010 il vetro si attestava intorno al 48%).

grafici vetro 3 reasons

In particolare, la stragrande maggioranza dei genitori europei tende a preferire il cibo "sotto vetro" per i propri figli. I genitori italiani confermano questo trend, affermando per il 79% di preferire i cibi per bambini conservati in vetro e di evitare, per il 62%, l'acquisto di alimenti per bambini in plastica o in altri materiali diversi dal vetro.

grafici vetro 2 babyfood

Il vetro è percepito dagli Europei come il materiale da imballaggio più sicuro sia per i cibi (49%) sia per le bevande (74%). Anche gli italiani lo preferiscono a tutti gli altri materiali: il 53% degli intervistati dichiara di preferirlo per gli alimenti e il 76% per le bevande. Al contrario, i packaging meno apprezzati sono la plastica (5%) e le lattine (5%) per i cibi e i contenitori di metallo (1%) e il Bag in Box (2%) per le bevande.

"Il vetro" – ha commentato Giorgio Calabrese, nutrizionista e dietologo – "è il più sicuro contenitore di un contenuto, il cibo, che non sempre è sicuro. Oggi il problema del packaging è molto sentito e sicuramente il vetro garantisce una corretta ed attenta conservazione degli alimenti per prevenire patologie e godere realmente dei benefici di un regime alimentare equilibrato e salubre. Il vetro risponde infatti alle istanze di igiene e sicurezza in quanto evita ogni problema di cessione quando contiene cibo e liquidi e questo sia ad alta che a bassa temperatura."

Lisa Vagnozzi

Leggi anche:

Riciclo del vetro: Italia al terzo posto, supera la media UE

GreenBiz.it

Network