Menu

cinadonnavillaggioTrasformare 10 mila villaggi nell’arco di 3 anni: è questo l’obiettivo dello stato indiano di Maharashtra, che ha deciso di coinvolgere nei suoi impegni di Csr le aziende che in questo campo hanno già ottenuto risultati notevoli. Tra queste, Tata Sons, Reliance Industries, Mahindra & Mahindra's, HDFC.

Un fondo speciale sarà creato utilizzando le risorse finanziare destinate delle aziende alla Csr e sarà creato un direttivo, di cui però non faranno parte gli industriali per evitare una perdita di fiducia. Si parla di 10 crore a testa (100 mln di rupie) come somma indicativa di partenza che ogni partecipante donerà.

Circa 50 tra imprenditori, Ceo e filantropi sono stati chiamati ad un meeting con il primo ministro dello stato, Devendra Fadnavis, in modo che avessero una presentazione più ampia del progetto. Tra gli invitati, esponenti di: State Bank of India, Hindustan Unilever Kalyani, JSW, Reliance Industries, Deutsche Bank, Standard Chartered India, Bain Capital, Videocon. E anche l’attore Amitabh Bachchan.

Il progetto intende dunque coinvolgere il maggior numero di persone possibili, in tutti i settori. La risposta è stata entusiastica, ma il governo intente raccogliere almeno 400 crore per il fondo, nelle prime battute la somma raccolta si aggira attorno a 40 crore, con donazioni di circa 10 crore per sostenitore. Anche lo stato, naturalmente, si impegna a contribuire.

“Molte aziende si impegnano sul fronte della Csr con risultati notevoli. Questo è un passo avanti. Stiamo facendo una mossa più sincronizzata con la partecipazione istituzionale, con deadline e obiettivi chiari”, ha spiegato un portavoce del governo.

Nel primo anno saranno mille i villaggi oggetto di intervento, 1.500 nel secondo anno, mentre i restanti 7.500 saranno persi in carico il terzo anno. Ci si concentrerà nella risoluzione di problemi quali la mortalità infantile, la nutrizione, l’educazione, la sanità e l’occupazione.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Csr: non solo report noiosi! Heineken e Virgin scelgono gamification e social

Csr: le 4 motivazioni principali delle aziende che investono in buone azioni

Le banche e Wall Street non sono etiche. I giovani laureati scelgono la Silicon Valley

GreenBiz.it

Network