Menu

pellet chep klippaÈ operativo il Robot Klippa per la riparazione automatizzata dei pallet. Si tratta di una cella automatizzata che taglia gli elementi danneggiati del pallet attraverso un sistema idraulico: una volta identificato, il pezzo difettoso del pallet viene tagliato e poi lasciato cadere su un nastro e trasportato nel contenitore degli scarti. Immediatamente dopo, il pallet viene riparato manualmente con i pezzi di ricambio.


Questa automatizzazione dei processi, con la rigenerazione dei pallet danneggiati, rende la logistica più efficiente e ne aumenta, di conseguenza, la sostenibilità ambientale. Klippa è attivo presso il Centro Servizi di Massalengo, in provincia di Lodi, che conta in media ogni giorno 20 camion in entrata e in uscita. Ogni anno presso il centro, dotato di una superficie del magazzino di 13.900 mq e di una superficie impianto di 1.700 mq, vengono ispezionati più di due milioni di pallet e riparati circa un milione di pallet.

Il tutto fa capo a CHEP Italia, filiale italiana del leader mondiale nelle soluzioni di pooling di pallet e contenitori, che spedisce, raccoglie, ripara e spedisce nuovamente oltre 300 milioni di pallet e contenitori tramite una rete mondiale di service center, aiutando i propri clienti operanti in diversi settori a consegnare i prodotti a distributori e punti vendita.

Per garantire la massima qualità, infatti, tutti i pallet di CHEP vengono accuratamente selezionati e forniti al cliente solo dopo essere stati sottoposti a rigidi controlli di qualità interni ed esterni. Prima di essere inviati ai clienti, sono controllati in dettaglio da un Centro Servizi CHEP e, se necessario, rigenerati per assicurare sempre standard qualitativi elevati.

E ora la tecnologia all'avanguardia e i controlli meccanici rigorosi del Robot Klippa permettono di rimuovere i difetti dei pallet, dalle schegge alle rotture ad altre irregolarità, fornendo quindi al cliente pallet sempre conformi alle specifiche tecniche. "Per noi in CHEP la qualità è un obiettivo strategico importante per soddisfare i nostri clienti, siano essi dell'industria che della grande distribuzione", dichiara Paola Floris - Country General Manager, CHEP Italia.

Piena soddisfazione anche dai clienti, come San Pellegrino, P&G e Lauretana. "La qualità dell'attrezzatura è molto importante nel settore alimentare e quindi per noi è veramente un must. Non possiamo assolutamente prescindere dalla qualità sia del prodotto sia dell'attrezzatura che lo accompagna", afferma Sara Facchinetti - Supply Chain Project Manager del Gruppo San Pellegrino. "Inoltre, il concetto di sostenibilità è insito nella definizione di pallet a noleggio, che è di per sé ovviamente sostenibile rispetto a quello che è il pallet a rendere".

Procter & Gamble sta lavorando insieme a CHEP proprio per ridurre i costi logistici: "ciò ha un impatto anche a livello ambientale, in quanto riusciamo a ridurre il trasporto dei bancali all'interno della supply chain utilizzando gli stessi trasportatori e ottimizzando allo stesso tempo i carichi", sottolinea Pasquale Spina, Pallet & CHEP JBP Project Mgr, CHEP Management & PSQ Network Leader di Procter & Gamble. Maggiore efficienza anche per Lauretana: "Chep ci permette di eliminare alcune problematiche e di sensibilizzare i nostri clienti, anche i più piccoli, verso l'adozione di tecnologia e di bancali che rendono la supply chain più molto più efficiente", conclude Leandro Mondino, Responsabile Acquisti.

Roberta Ragni

GreenBiz.it

Network