Menu

immagineCambia il paniere Istat. Le abitudini degli italiani modificano i parametri di riferimento per il controllo dell'inflazione. Ecco che grazie alla Tasi il paniere ora comprende le spese per l'assistenza fiscale. Nuova attenzione alla mobilità sostenibile, con car sharing e bike sharing.

Lo stile di vita degli italiani sta cambiando e di conseguenza si modifica il calcolo dell'inflazione. Sempre più cittadini preferiscono la mobilità sostenibile. L'entrata in vigore della Tasi porta gli italiani a rivolgersi con maggiore frequenza alle realtà accreditate per la consistenza fiscale, in modo da non sbagliare i calcoli per il pagamento delle tasse.

Nel 2015, come ogni anno, l'Istat ha rivisto l'elenco dei prodotti che compongono il paniere di riferimento della rilevazione dei prezzi al consumo. L'aggiornamento tiene conto delle novità emerse nelle abitudini di spesa delle famiglie e arricchisce la gamma dei prodotti che rappresentano i consumi consolidati.

Il paniere Istat 2015 per il calcolo dell'indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) comprende 1.457 prodotti (1.463 nel 2014), aggregati in 623 posizioni rappresentative (619 nel 2014).

Le novità di quest'anno riguardano non soltanto l'assistenza fiscale, ma anche l'inserimento nel paniere dei biscotti senza glutine, della pasta senza glutine, dei mezzi di trasporto in condivisione, con riferimento a car sharing e bike sharing, e delle bevande acquistate al distributore automatico.

I costi dell'assistenza fiscale per il calcolo delle imposte sull'abitazione andrà ad arricchire la posizione rappresentativa dell'Assistenza fiscale alla persona, mentre il prezzo del caffè al ginseng ordinato al bar andrà a integrare la categoria dei prezzi della Caffetteria al bar.

Il cambiamento delle abitudini di acquisto e degli stili di vita degli italiani viene evidenziato anche dalle posizioni che escono dal paniere e che in precedenza risultavano rappresentative: navigatore satellitare, impianto Hi-Fi, registratore Dvd e corsi di informatica.

paniere istat

- clicca qui per ingrandire –

Marta Albè

Leggi anche:

GreenBiz.it

Network