Menu

disuguaglianza oxfamNel 2016 l'1% della popolazione deterrà ricchezze superiori rispetto al restante 99%. Lo rivela il nuovo rapporto Oxfam sulle grandi disuguaglianze economiche nel mondo. La disuguaglianza negli ultimi anni ha seguito una crescita continua e costante.

La ricchezza di una quota minima della popolazione è salita dal 44% nel 2009 fino al 48% del 2014 e si prevede che nel 2016 superi il 50%. Secondo Oxfam la disuguaglianza estrema non è soltanto un torto morale. Sappiamo bene infatti che questo grave problema ostacola la crescita economica e minaccia il settore privato.

Oxfam sottolinea che l'esplosione delle disuguaglianze frena la lotta contro la povertà nel mondo in un momento in cui più di 1 miliardo di persone vive ancora con meno di 1,25 dollari al giorno. Servono misure urgenti per arginare il fenomeno, partendo da un giro di vite sull'evasione fiscale da parte delle imprese,

Il documento di Oxfam mostra che i membri dell'élite globale detengono una ricchezza media di 2,7 milioni di dollari a persona per quanto riguarda il 2014. Il divario tra i più ricchi e il resto della popolazione si sta espandendo velocemente e i leader mondiali fino a questo momento avrebbero affrontato la questione solo a parole.

"il rapporto di Oxfam è solo l'ultima prova che la disuguaglianza ha raggiunto estremi scioccanti, e continua a crescere. E 'tempo che i leader globali del capitalismo moderno, oltre ai nostri politici, di lavorare per cambiare il sistema per renderlo più inclusivo, più equa e più sostenibile"ha dichiarato Lady Lynn Forester de Rothschild, Amministratore Delegato di EL Rothschild.

L'agenzia internazionale chiede ai governi di adottare un piano in 7 punti per affrontare la disuguaglianza economica:

1) Reprimere l'evasione fiscale.

2) Investire in servizi pubblici gratuiti, come la sanità e l'istruzione

3) Condividere la pressione fiscale, spostare la tassazione dal lavoro e dal consumo verso i capitali e le ricchezze.

4) Introdurre salari minimi e muoversi verso un salario di sussistenza per tutti i lavoratori.

5) Introdurre una legislazione sulla parità retributiva e promuovere politiche economiche per dare alle donne un trattamento equo.

6) Garantire adeguate reti di sicurezza per i più poveri, tra cui un reddito minimo garantito.

7) Concordare un obiettivo globale per affrontare la disuguaglianza.

Consulta qui il rapporto Oxfam "Wealth: Having it all and wanting more".

Marta Albè

Leggi anche:

GreenBiz.it

Network