Menu

agricoltura occupazione giovaniL'agricoltura si riconferma l'unico settore in crescita per quanto riguarda l'occupazione. L'occupazione giovanile fa segnare un vero e proprio record, con un incremento del 9% per quanto riguarda le assunzioni dei giovani under 35. I dati positivi lasciano ben sperare per il settore agricolo.

L'occupazione giovanile risulta infatti in crescita nonostante gli effetti negativi sulle coltivazioni provocati dal maltempo e il calo dei consumi, correlato alla crisi economica, che ha interessato anche il settore agro-alimentare. I risultati positivi emergono dall'ultimo rapporto Excelsior di Unioncamere, compilato sulla base dei dati Istat per il primo trimestre 2013.

Dalle analisi dei fabbisogni occupazionali per le imprese con meno di 10 dipendenti, per il commercio al dettaglio e per il comparto turistico emergono dati ben poco confortanti, che portano a prevedere una forte riduzione della forza lavoro, pari a decine di migliaia di unità. Diversa la situazione per il settore agricolo, secondo quanto comunicato dalla Coldiretti.

L'agricoltura è infatti l'unico settore che mostra segni di vitalità economica, grazie ad una variazione tendenziale del Pil del +0,1% e ad un aumento degli occupati dipendenti complessivi pari al +0,7%, in netta controtendenza rispetto agli altri comparti per il primo trimestre del 2013.

La crescita delle opportunità di impiego nel settore agricolo è stata colta immediatamente da parte dei giovani. A testimoniarlo è il boom di iscrizioni negli istituti professionali agricoli e negli istituti tecnici di agraria, che raggiunge complessivamente il +42%, per il periodo relativo all'anno scolastico 2012-2013, sulla base dei dati comunicati dal Ministero dell'Istruzione. Saranno 200 mila i posti di lavoro a disposizione dei giovani nei prossimi anni grazie al turn over generazionale in agricoltura.

Marta Albè

LEGGI anche:

- Occupazione: agricoltura unico settore in crescita, i giovani fuggono in campagna

GreenBiz.it

Network