Menu

clean tech incubator 0Anche nel settore delle tecnologie pulite e delle imprese "green" si stanno affermando gli incubatori aziendali, dei programmi pensati e progettati per accelerare - attraverso risorse, competenze, servizi e strumenti di sostegno - lo sviluppo e il miglioramento delle performance di aziende e start up.

Gli incubatori aziendali possono favorire la crescita e il consolidamento delle imprese. A patto, però, di adottare alcuni accorgimenti e comportamenti: non tutti i programmi a sostegno del "fare impresa", infatti, hanno lo stesso valore. Ad esempio, non tutti raggiungono risultati importanti, riuscendo a determinare il successo delle proprie aziende-clienti.

L'Università del Michigan ha recentemente condotto una ricerca per comprendere quali siano le caratteristiche che fanno la differenza, individuando una serie di punti di forza che sono comuni a tutti i migliori incubatori aziendali.

Tra questi, ci sono 10 mosse che potrebbero determinare il successo degli incubatori aziendali anche nel settore delle imprese green e delle tecnologie pulite:

1. La molteplicità e la diversità fanno la forza.

Non c'è un asso nella manica o un servizio specifico su cui puntare tutto: gli incubatori aziendali che producono i risultati migliori sono in grado di mettere in campo un'offerta armonica di servizi, pratiche e strumenti normativi eterogenei.

2. Regole precise, che non lasciano niente al caso.

Gli incubatori migliori sono caratterizzati da una gestione solida e da regolamenti trasparenti e precisi, spesso simili tra loro, che ne regolano l'operato in ogni singola fase.

3. La composizione del comitato consultivo fa la differenza.

Se l'organo consultivo di un incubatore aziendale è composto da esperti di diversa provenienza, in grado di seguire con competenza tutte le fasi e tutti i diversi aspetti del programma - da quello giuridico, a quello legale, a quello tecnologiche, fino ai rapporti con le autorità locali - allora è molto più probabile che si raggiungeranno risultati positivi.

4. Le dimensioni e l'anzianità non contano davvero.

Non è la grandezza di un incubatore aziendale a fare la differenza e non è la durata di un programma a determinarne il successo. Al contrario, risulta fondamentale la gestione del rapporto con le aziende-clienti.

5. Monitoraggio costante dei risultati.

Gli incubatori aziendali che hanno maggiore successo sono quelli che raccolgono più frequentemente e per periodi di tempo prolungati dei dati dettagliati riguardo alle performance, all'offerta di servizi, alle statistiche occupazionali, ai profitti ecc. delle aziende che seguono.

6. Il profitto non è tutto.

Gli incubatori aziendali che hanno come obiettivo primario il guadagno non sono tra quelli maggiormente di successo. Vengono infatti superati dagli incubatori aziendali che hanno altri focus, quali creare nuovi posti di lavoro o incrementare lo spirito imprenditoriale della comunità.

7. Il supporto del settore pubblico conta.

Un rapporto costante con le autorità governative, con le università, con i centri di ricerca che operano sul territorio e con altre realtà economiche locali è fondamentale per determinare il successo di un programma dedicato alle imprese.

8. Le risorse sono fondamentali.

Come è ovvio, i programmi aziendali che possono contare su un budget più ampio e su maggiori risorse economiche sono quelli che funzionano meglio, in quanto offrono un maggior numero di servizi alle imprese e sono più stabili. Per questo, gli incubatori aziendali dovrebbero fare molta attenzione ai finanziamenti e organizzare delle raccolte fondi mirate. È comunque fondamentale che le risorse vengano gestite e impiegate al meglio, senza sprechi.

9. Non è sufficiente operare in aree geografiche economicamente floride.

I tassi di occupazione e di crescita delle zone in cui l'incubatore aziendale lavora, così come eventuali agevolazioni in favore delle start up, non sono determinanti per la buona riuscita dei programmi. Più che i fattori "esterni", legati all'ambiente in cui si opera, per garantire il successo delle aziende-clienti sono determinanti i fattori "interni", relativi alle caratteristiche manageriali e ai servizi offerti dall'incubatore.

10. Controllo periodico dell'offerta.

Gli incubatori aziendali di maggiore successo sono quelli che rivedono periodicamente i servizi che offrono, analizzandone l'efficacia e i risultati. Stando allo studio condotto dall'Università del Michigan, tra i servizi che migliorano di molto le performance delle aziende-clienti ci sono le attività di aggiornamento e formazione rivolte a imprenditori e dipendenti, i collegamenti con centri di ricerca locali e l'assistenza in fase di produzione.

Lisa Vagnozzi

LEGGI anche:

- Ifi Spa: l'azienda che aiuta i giovani ad aprire la loro start up

GreenBiz.it

Network