Menu

green_jobs_normaleL’80 per cento dei giovani professionisti è interessato a lavorare in aziende che hanno un impatto positivo sull’ambiente. Ad affermarlo è MonsterTRAK.com, il sito americano dedicato ai neo-laureati. Per fortuna i green jobs in America sono in crescita e ci sono settori che, secondo l’American Solar Energy Society, attualmente forniscono ben 8,5 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti.

Se vi siete laureati da poco e volete fare un’esperienza americana per trovare il lavoro verde dei vostri sogni, questo viaggio virtuale fa al caso vostro: dal portale Mother Nature Network ecco la classifica top ten delle città leader nel settore della green economy.

 

1° - San Francisco

Grazie a San Francisco, la California è lo Stato che vanta più posti di lavoro verde. Oltre 42.000 i green jobs presenti in città che, di recente, ha investito anche 100 milioni di dollari nella creazione di nuovi impieghi e attività sostenibili. Circa 7.000 posti di lavoro rientrano nel campo della produzione di energia, soprattutto per quanto concerne il solare, ma la città è anche sede lavorativa adatta per consulenze ambientali, tecnologie verdi d’avanguardia, monitoraggio e controllo delle emissioni. I neo-architetti, esperti nel campo delle certificazioni LEED, dovrebbero prendere in considerazione un passaggio in città, dal momento che 20 grandi progetti di costruzione hanno recentemente presentato domanda per ottenere la certificazione LEED. Si pensi che i professionisti del settore guadagnano in media 58.700 dollari l’anno.

 

2° - Denver

Anche il Colorado cavalca da anni l’onda dei green jobs e la città di Denver, che è la casa della Vestas Wind Systems (numero uno mondiale dei sistemi eolici), è alla guida dello Stato. Tra il 1998 e 2007 la crescita dell’occupazione nel settore dell’energia pulita ha raggiunto il 18 per cento, con 1.778 nuove attività verdi e oltre 17.000 posti di lavoro. Istituzioni locali, come il National Renewable Energy Laboratory (Laboratorio dell'Energia rinnovabile nazionale - NREL), continuano a proporre nuove opportunità di lavoro nel settore delle tecnologie verdi e, grazie all’amministrazione Obama, i fondi NREL sono quasi raddoppiati. Infatti, gli investimenti nei green jobs hanno aiutato Denver ad avere un tasso di disoccupazione inferiore alla media nazionale. Denver è anche la casa dell’Ecotech Institute, una scuola di tecnologia ambientale che offre lauree biennali e certificazioni riconosciute. Gli studenti che vogliono proseguire nel loro percorso educativo e incrementare le competenze verdi possono rivolgersi all’Istituto per conoscere ogni aspetto, dalle nuove tecnologie associate alle fonti rinnovabili al design sostenibile degli interni.

 

3° - New York City

Di recente New York ha lanciato “PlaNYC”, un piano sostenibile per il futuro della città che annovera 127 iniziative per inverdire la città. Il progetto include 1 miliardo di dollari per la ristrutturazione degli edifici, in modo da incrementare l’efficienza energetica e ridurre le emissioni di CO2 del 30 per cento. Secondo Clean Edge, firma americana sulla ricerca energetica, la Grande Mela si classifica al terzo posto fra le migliori aree urbane degli Stati Uniti per la creazione di nuovi impieghi nel settore verde. Si stima che, solo nel 2007, la città abbia aggiunto 3.323 attività green e 34.363 posti di lavoro, grazie anche all’investimento di oltre 209 milioni di dollari nel settore dell’energia pulita tra il 2006 e il 2008.

4° - Portland

Lo stato dell’Oregon si classifica al terzo posto nell’offerta degli impieghi eco-friendly associati al settore manifatturiero. Anche la città di Portland dà il buon esempio assicurando, nel 2007, circa 20.000 nuovi posti di lavoro nel settore dell’energia pulita. Come molte altre città sulla lista, anche Portland sta affrontando il problema della disoccupazione ma cerca di rovesciare l’esito grazie all’ottica sostenibile. Circa metà dell’energia della città proviene da risorse rinnovabili e parte dei 50 milioni di dollari investiti in iniziative verdi sono stati spesi per piantare 88.000 alberi e avviare progetti edili. In più, Portland si classifica come la città più sostenibile d’America, con oltre 320 chilometri di piste ciclabili, metropolitane leggere (Light Rail), parcheggi per auto elettriche e 50 edifici certificati LEED.

 

5° - Los Angeles

Tra il 1995 e il 2008 in California i green jobs sono aumentati del 36 per cento. L’incremento interessa soprattutto Los Angeles, dove gli impieghi legati alla produzione di energia e all’efficienza energetica hanno avuto un rialzo rispettivamente del 35 e del 77 per cento. Gran parte della crescita è dovuta alla Green Building Retrofit Ordinance, approvata nel 2009. La legislazione richiede che tutti gli edifici della città che superano 7.500 piedi quadrati (circa 700 mq) o che sono stati costruiti prima del 1978, vadano riportati agli standard della certificazione LEED. Per contribuire a combattere la disoccupazione il decreto ha, inoltre, creato un programma di formazione nel settore verde.

6° - Sacramento

Tra il 1995 e il 2008, la città di Sacramento (in California) ha registrato il maggior numero di posti di lavoro verdi. Sacramento e le città limitrofe vantano una crescita dei green jobs dell’87 per cento. In particolare, la percentuale di incremento dei lavori associati all’aria e all’ambiente è stata del 157 per cento mentre quella legata alla produzione di energia rinnovabile ha raggiunto il 141 per cento. L’organizzazione non-profit Sacramento Area Regional Technology Alliance ha recentemente assegnato oltre 130 milioni di dollari in borse di studio sulle tecnologie pulite e quest’anno 905.000 dollari sono già stati assegnati alla Sacramento State University per dar vita a un nuovo programma di lavoro che possa migliorare il sistema di “crescita intelligente” del territorio. Il sindaco Kevin Johnson recentemente ha dichiarato che in città ci sempre più posti di lavoro verdi.

 

7° Boston

La città di Boston, incluse le periferie di Worcester, Lawrence, Lowell e Brockton, si è posizionata al quarto posto nella ricerca condotta dalla Clean Edge sulle migliori aree metropolitane in cui trovare posti di lavoro green. La cosa non sorprende, dal momento che la città è sede di molte compagnie d’avanguardia nel settore verde. Ottimo esempio è la Boston Power, guidata da Christina Lampe-Onnerud, che ha contribuito alla progettazione di una batteria al litio innovativa per i laptop e che ora si sta muovendo alla grande nel mercato delle auto elettriche. A Boston vi è anche un’ampia concentrazione di college, come il MIT, l’Harvard, la Boston University e l’Emerson. L’area è un grande perno per la tecnologia verde e la città utilizza i suoi esperti per provare a essere più sostenibile. La terza risorsa energetica di Boston, infatti, è il vento, molti veicoli municipali sono elettrici o vanno a bio-gas e tutti i nuovi edifici in costruzione devono rispettare gli standard LEED. Largo dunque ai neo-architetti specializzati nelle certificazioni Leed.

8° - Detroit

Sebbene il Michigan abbia il tasso di disoccupazione più alto del Paese, Detroit sembra andare in controtendenza. Di recente, il Dipartimento dell’Energia ha concesso finanziamenti per avviare fabbriche e incrementare i progetti legati alle tecnologie ibride ed elettriche per le auto. Detroit rientra così nella lista delle città migliori per i “green collars” stilata dalla Pew Charitable Trust. Sebbene le compagnie non abbiamo la sede centrale nel Michigan, ci molte sono aziende che hanno aperto le proprie filiali a Detroit, come la californiana Fisker Automotive e la Magna International. Un ingegnere meccanico che lavora sulle auto green ha una retribuzione media annuale pari a 64.000 dollari.

 

9° - Phoenix

Phoenix sta diventando un eccellente hotspot per i green jobs. Nel 2009 il sindaco di Phoenix, Phil Gordon, ha svelato i 17 punti del Green Phoenix Plan per creare nuovi posti di lavoro verdi e vuole rendere Phoenix la prima città della nazione a zero emissioni. Di recente Phoenix ha ricevuto un premio di 25 milioni di dollari dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti per il progetto “Energize Phoenix”, nato con lo scopo di ridurre il consumo di elettricità e aumentare da 1.900 a 2.700 i posti di lavoro nel settore ecologico. Il consiglio comunale ha anche assegnato un premio alla Tessera Solar per il progetto solare più grande mai realizzato che, entro la fine del 2012, creerà più di 300 nuovi posti di lavoro e fornirà energia da fonti rinnovabili a 50.000 case. Phoenix è una green city che vanta una METRO Light-Rail, a zero emissioni, un centro congressi certificato LEED e più di 80 programmi di sostenibilità per l’acqua, l’energia e la conservazione delle risorse naturali.

10° - Houston

La città di Huston genera migliaia di posti di lavoro nel campo dell’energia verde. Clean Edge segnala la città del Texas nella lista delle aree metropolitane più attive nella creazione di nuovi posti di lavoro legati alle tecnologie pulite. Nel 2008 anche la Global Insight ha assegnato a Houston il terzo posto per i green jobs mentre, nel 2009, la rivista Scientific American ha assegnato alla città il decimo posto nella classifica dei leader energetici. Gli esperti affermano che uno dei motivi per cui sia a Houston, sia in generale nel Texas, il settore dell’energia eolica è cresciuto così rapidamente è legato al fatto che le industrie petrolifere hanno consolidata esperienza nel portare avanti enormi progetti come quelli delle centrali eoliche.

Anna Moccia

 

GreenBiz.it

Network