Menu

commissioneue 450Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker ha svelato il team dei nuovi commissari. Le novità sono molte, alcuni dicasteri sono stati accorpati l’idea è stata quella di ottenere vari dicasteri specifici, che al loro interno si occupino di tematiche che possano viaggiare in sincronia.

AMBIENTE E COMPETITIVITA’ AL PRIMO POSTO - Il nuovo Collegio avrà 7 vice presidenti, ognuno con un project team che darà vita a linee guida politiche per unione energetica, lavoro, crescita, investimenti e competitività, Digital Single Market.

Il dicastero Ambiente, Affari Marittimi e Pesca (accorpati) riflette bene la nuova logica, in questo caso basata sulla duplice crescita “blu” e “verde”, impossibili da separare: ambiente e mare hanno bisogno di politiche che si riveleranno chiave nella creazione di occupazione, nella tutela delle risorse, nell’incoraggiamento degli investimenti. Proteggere l’ambiente e mantenere l’Europa competitiva vanno “mano nella mano”, sono entrambi parte del “futuro sostenibile”, dicono dalla Commissione.

La stessa logica è stata applicata nell’istituzione di un commissario per Climate Action and Energy. Rafforzare la quota di rinnovabili non è solo una questione di politiche più responsabili in materia di cambiamenti climatici. È anche una questione di politica industriale, se l’Europa vuole energia accessibile a medio termine”, si legge in un comunicato ufficiale. Ecco perché le due cose non possono risultare slegate a livello istituzionale.

TUTTI I NOMI – Ecco dunque la nuova squadra.

Primi Vicepresidenti:

Responsabile per la sicurezza, Frans Timmermans Paesi Bassi

Alto rappresentante per gli affari esteri, Federica Mogherini, Italia

Vicepresidenti:

Bilancio e risorse umane, Kristalina Georgieva, Bulgaria

Mercato digitale, Andrus Ansip, Estonia

Energia, Alenka Bratušek, Slovenia

Sociale, Valdis Dombrovskis, Lettonia

Lavoro, investimenti, competitività, Jyrki Katainen, Finlandia

Commissari:

Concorrenza, Margrethe Vestager, Danimarca

Agenda digitale, Andrus Ansip, Estonia

Commercio, Cecilia Malmstrom, Svezia

Economia digitale, Gunter Oettinger, Germania

Mercato unico e industria, Elzbieta Bienkowska, Polonia

Immigrazione e Affari interni, Dimitris Avramopoulos, Grecia

Scuola, Cultura e Giovani, Tibor Navracsics, Ungheria

Lavoro, Affari Sociali e Mobilità, Marianne Thyssen, Belgio

Agricoltura, Phil Hogan, Irlanda

Allargamento e Politiche di vicinato, Johannes Hahn, Austria

Cooperazione interna e sviluppo, Neven Mimica, Croazia

Salute, Vytenis Andriukaitis, Lettonia

Affari marittimi, Karmenu Vella, Malta

Ricerca e Innovazione, Carlos Moedas, Portogallo

Giustizia, Věra Jourová, Rep. Ceca

Politiche regionali, Corina Cretu, Romania

Trasporti, Maroš Šefčovič, Slovacchia

Mercato dell’energia, Alenka Bratušek, Slovenia

Aiuti umanitari, Christos Stylianides, Cipro

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Embargo, TTIP e quote latte: le priorità della Presidenza UE per l'agricoltura

Scenari del pacchetto clima-energia 2030. Intervista all’ing. Mario Gaia

Commissione Ue: accusata di affossare i regolamenti verdi

GreenBiz.it

Network