Menu

ferrero thorntons cioccolato

Ferrero vuole il cioccolato inglese e si lancia alla conquista di Thorntons con un'Opa sull'azienda. L'azienda italiana offre 145 pence per azione, fino ad un massimi di 111,9 milioni di sterline, per un valore pari a circa 157 milioni di euro.

Ecco allora che l'azienda punta all'espansione in Gran Bretagna. Lo prova anche il fatto di aver già raggiunto un accordo per rilevare il 34,36% del capitale di Thorntons. Giovanni Ferrero, amministratore delegato dell'azienda, ha spiegato in maniera molto semplice le motivazioni di questa decisione.

Ferrero nel 2014 ha conseguito il risultato migliore di sempre in Gran Bretagna. Il traguardo ha dato fiducia all'azienda che ha deciso di cogliere il momento giusto per espandersi verso un nuovo mercato. L'idea di Ferrero è che l'operazione possa unire le due aziende in modo complementare.

Thorntons in Gran Bretagna è una realtà in crescita interessata all'espansione di nuovi marchi. L'ultimo bilancio dell'azienda britannica, chiuso a giugno 2014, è di 222,4 milioni di sterline di fatturato, mentre l'utile operativo è di 8,6 milioni. Nel Regno Unito e in Irlanda il Gruppo possiede centinaia di punti vendita e impiega migliaia di dipendenti.

Pere che l'operazione di Ferrero sia stata ben accolta da Thorntons, che dopo aver puntato per anni al cioccolato di qualità, ora si sta espandendo sui prodotti a prezzo più contenuto, una fascia di primo prezzo che probabilmente interessa anche a Ferrero. Questo accordo potrebbe unire i due produttori di cioccolato e prodotti a base di cioccolato tra i più noti d'Europa.

Thorntons continua comunque ad essere cauta sulle prospettive e sulle aspettative per l'intero anno. L'azienda ritiene di essere ben posizionata e di poter trarre vantaggio da un miglioramento dei consumi.

Negli ultimi tre anni Thorntons ha deciso di rinnovarsi soprattutto chiudendo i negozi non redditizi e aumentando il volume delle vendite generate attraverso supermercati e altri punti vendita. Il totale dei negozi gestiti in questo momento nel Regno Unito è di 247. L'accordo con Ferrero porterà fortuna al cioccolato inglese, e viceversa?

Mentre Ferrero cerca un accordo con la Gran Bretagna, imperversa acnora la polemica con la Francia sulla delicata questione olio di palma. In cocnlusione ferrero sembra più allineata con il futuro alleato d'Oltremanica, mentre Oltralpe incontra serie difficoltà, con un vero e proprio scontro diplomatico sulla Nutella e il global warming. Se Ferrero vorrà progredire sul fronte olio di palma, oltre che nella produzione di cioccolato, per la quale ha inserito di recente il cacao Fairtrade, dovrà optare per nuove strategie di sviluppo. Forse in questo modo dopo il favore della Gran Bretagna otterrà anche l'appoggio della Francia.

Marta Albè

Fonte foto: muthscandy.com

Leggi anche:

La Nutella scomparirà? Nessun allarme nocciole per Ferrero

Olio di palma: Ferrero e Ikea tra le aziende più virtuose?

Ferrero sceglie Fairtrade: acquisterù 20 mila tonnellate di cioccolato certificato

GreenBiz.it

Network