Menu

eonsardegna 450Acquisizione del 100% di E.ON Climate and Renewables Italia Solar S.r.l., proprietaria di 7 impianti fotovoltaici con capacità installata pari a 49 MW. E.On comunica la vendita delle attività solari in Italia al fondo italiano per le infrastrutture F2i SGR.

Circa il 70% della capacità installata si trova in Sardegna. E, in relazione al mancato adeguamento ad alcune misure inserite nell'Aia per la centrale di Fiume Santo, arriva intanto una sanzione.

LA CESSIONE - Come si evince dalle comunicazioni ufficiali, le attività oggetto della vendita riguardano una capacità di generazione complessiva pari a 49 MW e consistono in 7 parchi fotovoltaici “a terra”, costruiti tra il 2010 e il 2013. Gli impianti fotovoltaici si trovano in aree ad alta irradiazione e beneficiano di regimi solari favorevoli fornendo flussi di cassa stabili nel lungo termine, sottolineano sempre dal Gruppo. L’accordo prevede al momento che non sia divulgato il prezzo di acquisto.

VIOLAZIONI AMBIENTALI – Arriva intanto una sanzione per il mancato rispetto delle misure contenute nell’Aia da parte di E.On Produzione Spa nella centrale elettrica di Fiume Santo, che intanto è passata di mano alla ceca Eph. Nel 2013 l’Ispra chiede un progetto per la copertura delle vasche di deposito rifiuti, ma nessuno provvede, quindi arriva una lettera di diffida dal ministero dell’Ambiente.

Il verbale di accertamento, con la contestazione e la violazione amministrativa e relativa sanzione è stato notificato nei giorni scorsi, come riporta. Di fatto, E.On, dopo gli accertamenti aveva minacciato ricorsi ma senza mai adeguarsi alle prescrizioni.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

E.ON, addio Italia: cedute 7 centrali termoelettriche. La mappa

Non tutte le utility tedesche scommettono sulle rinnovabili come E.On

Svolta green per E.On? Si divide in due, spin-off solo per rinnovabili

GreenBiz.it

Network