Menu

ecobonus 2014Detrazioni fiscali prorogate per tutto il 2014. L'ecobonus per le ristrutturazioni anche per il prossimo anno è ufficialmente confermato.

La Legge di Stabilità ha ottenuto la fiducia della Camera nella giornata di oggi, lunedì 23 dicembre 2013, e diventerà effettiva al più presto. Il provvedimento ha confermato la possibilità di detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e/o elettrodomestici di classe A, con cui arredare l'immobile oggetto di ristrutturazione agevolata. Per i lavori di riqualificazione energetica, le detrazioni fiscali rimarranno al 65% fino al 31 dicembre 2014 e scenderanno al 50% nel 2015.

Per quanto riguarda i lavori di ristrutturazione degli immobili, la spesa è agevolata al 50% fino a una soglia massima di 96 mila euro. Gli interventi di ristrutturazione devono essere eseguiti entro il 31 dicembre 2014. La spesa per gli arredi (compresi i costi di trasporto e montaggio) prevede un tetto massimo di 10 mila euro e potrà risultare oggetto di agevolazioni soltanto se i costi sostenuti per i lavori saranno superiori.

Se i costi per i lavori risulteranno inferiori a quelli dei mobili, infatti, le detrazioni si applicheranno tenendo presente il totale più basso raggiunto. Si potranno acquistare mobili e complementi d’arredo e di illuminazione, che possono comprendere, a titolo esemplificativo, armadi, cassettiere, librerie, letti, tavoli e scrivanie.

Le detrazioni non riguardano soltanto i mobili, ma anche gli elettrodomestici, comprese le spese di spedizione e montaggio. I grandi elettrodomestici dovranno appartenere ad una classe energetica non inferiore ad A+ e A. Le detrazioni comprenderanno l’acquisto, tra l’altro, di forni, frigoriferi, ventilatori elettrici, apparecchi elettrici di riscaldamento, forni a microonde, radiatori elettrici, piastre riscaldanti elettriche, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie e congelatori.

Per quanto concerne i lavori di riqualificazione energetica, la detrazione fiscale nella misura del 65% sarà valida fino alla fine del 2014 e sarà pari al 50% nel 2015. Le detrazioni valgono per gli interventi per la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento, l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda, la sostituzione degli impianti di condizionamento, il miglioramento termico dell’edificio attraverso la sostituzione delle finestre comprensive di infissi o la coibentazione.

Infine, le detrazioni Irpef ed Ires del 65% riguardano anche le misure antisismiche relative all’abitazione principale o alle costruzioni adibite ad attività produttiva. Saranno dunque detraibili al 65% seguendo le regole delle ristrutturazioni edilizie, con riferimento ai bonifici effettuati dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2014 ovvero al 50% quelli dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015.

Marta Albè

Leggi anche:

Le detrazioni per la riqualificazione energetica valgono un punto di Pil

Detrazioni fiscali ed efficienza energetica: le opportunità economiche e occupazionali in Italia

Detrazione 50% elettrodomestici. Bastano gli eco-bonus a risollevare il mercato?

Detrazioni 65%: ecobonus anche per adeguamento antisismico

GreenBiz.it

Network