Menu

amiantoEntro fine settimana dovrà arrivare l’ok alla conversione in legge del d.lgs 63/2013, quello che indica la strada da seguire per beneficiare del nuovo regime di detrazioni fiscali connesse al miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici.

NOVITA’ PER LA DETRAZIONE AL 65% - Come sappiamo, i bonus sono stati prorogati, ma ci sono ulteriori risvolti per quanto riguarda la detrazione al 65%, dopo gli emendamenti approvati dalle Commissioni Finanze e Attività produttive della Camera.

In particolare, le novità riguardano l’aggiunta di altri interventi che possono ricadere tra quelli coperti dalle detrazioni. Si tratta delle schermature solari, della micro-cogenerazione, della micro-trigenerazione per il miglioramento dell’efficienza energetica, di interventi per promuovere l’efficientamento idrico e sostituire le coperture di amianto degli edifici.

L’ITER DEL DECRETO – Il decreto è stato già esaminato da Camera e Senato, discusso dalle Commissioni della Camera e appunto modificato. Scaduto il termine per la presentazione di emendamenti, ora l’Aula entro fine settimana dovrà dare l’ok definitivo in modo che il decreto - che recepisce la direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica in edilizia – ha ora subito appunto un ulteriore ritocco passando dalle Commissioni Finanze e Attività produttive di Montecitorio.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Detrazioni fiscali: meglio rimandare acquisti per pompe di calore ed elettrodomestici

Detrazioni fiscali: il Governo pensa a una stabilizzazione degli eco-bonus. Parola di Lupi

Detrazione 65%: come accedere all'ecobonus? Online il sito dell'Enea

Detrazione del 65%: riammesse le pompe di calore. Misura sufficiente per stimolare il mercato?

GreenBiz.it

Network