Menu

detrazionicasa 450x300Stabilizzare e rendere strutturali le agevolazioni fiscali della detrazione del 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia e della detrazione 65% per la riqualificazione energetica degli edifici. È questa l'intenzione del Governo, almeno secondo quanto dichiarato dal ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi all'assemblea annuale dell'Ance.


"L'impegno del governo è rendere stabili, dal 1° gennaio 2014, gli incentivi al recupero edilizio al 50% e gli ecobonus al 65%. Lo faremo con la prossima legge di bilancio", ha detto il ministro, dando grande speranza agli operatori del settore che da tempo richiedono un intervento di questo tipo. Queste parole, però, smentiscono quanto dichiarato in precedenza dal Governo, al momento dell'approvazione del decreto legge 63/2013.

L'esecutivo, infatti, aveva più volte dichiarato che la proroga alla detrazione 50% e quella del 55%, innalzata al 65%, fino al 31 dicembre 2013 sarebbero stata l'ultima. Ma se le parole del Ministro avranno un seguito concreto, a partire dal 1° gennaio 2014 non ci sarà più solo la Detrazione 36%, sia per le ristrutturazioni edilizie, sia per la riqualificazione energetica. La certezza arriverà solo in autunno, quando cioè la Legge di Bilancio verrà discussa.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- Proroga 55%: perché rendere permanente la detrazione per l'efficienza energetica?

- Detrazioni fiscali: meglio rimandare acquisti per pompe di calore ed elettrodemestici

GreenBiz.it

Network