Menu

fotovoltaico irpefIl vecchio bonifico è vincolante per chi ha iniziato a pagare puntando sul 50%. I contribuenti che hanno effettuato prima del 6 giugno 2013 i pagamenti per le spese su lavori edilizi di risparmio energetico, detraibili solo al 36%, o al 50% dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013), non possono passare per lo stesso intervento alla detrazione del 55% per la riqualificazione energetica, innalzata al 65% fino alla fine del 2013 per i privati e fino al 30 giugno 2014, per i condomini.

Lo spiega un articolo pubblicato lo scorso 07 Giugno da Il Sole 24 Ore, firmato da Luca De Stefani, sottolineando l'incumulabilità delle due agevolazioni, che vale anche per bonifici diversi di uno stesso intervento. "È normale che sullo stesso pagamento non si possano avere le due detrazioni, ma va ricordato che questo divieto vale anche per pagamenti diversi riferiti allo stesso intervento (ad esempio, se si chiede il 55-65% per l'acconto e il 36-50% per il saldo)", scrive De Stefani.

L'obiettivo è quello di fare chiarezza su un interrogativo comune a molti italiani che, nell'incertezza sulla proroga dopo il 30 giugno del bonus del 55%, hanno iniziato a pagare i lavori indicando nella causale del bonifico la norma relativa alla ristrutturazione edilizia, l'articolo 16-bis del Dpr 917/1986. La loro mossa era motivata dalla possibilità di detrarre il 50 fino a Giugno e di beneficiare del 36 successivamente.

Se avessero scelto il 55, invece, avrebbero potuto detrarre solo gli importi pagati fino alla fine di giugno 2013. Ma nel momento in cui quest'ultima detrazione è stata prorogata (e innalzata) dal dl 63/13, la tentazione di passare a questo meccanismo fiscale è diventata grande. Peccato, però, sia impossibile. Questi contribuenti, infatti, non possono farsi restituire dal fornitore il denaro già versato con il bonifico 36-50 e rifare il pagamento con le causali del 65. Dovranno, loro malgrado, continuare a effettuare i successivi pagamenti con bonifici parlanti validi per il Dpr 917/1986, detraibili al 50 fino a fine 2013 e al 36 dal 01 gennaio 2014.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- Detrazione 50: tutti gli interventi che rientrano nell'agevolazione fiscale

- Detrazione 65%: stop a scadenze annuali o semestrali

- Detrazioni 50-65%: il testo del decreto pubblicato in Gazzetta. Tutte le novità

GreenBiz.it

Network