Menu

enel_green_powerContinua la corsa di Enel Green Power verso la Borsa. Da ormai tre giorni la controllata di Enel attiva nel settore delle rinnovabili ha dato il via al collocamento delle sue azioni per sbarcare definitivamente sui listini il 4 novembre prossimo. Enel, per ridurre la sua attuale situazione di indebitamento, ha infatti deciso di collocare sul mercato una quota di minoranza del capitale e ha richiesto la quotazione sui mercati azionari di Milano, Madrid, Barcellona, Bilbao e Valencia.

Il collocamento è rivolto a investitori istituzionali italiani e internazionali e attraverso una offerta pubblica di vendita a tutti i risparmiatori italiani e spagnoli, che possono comprare le azioni sia in banca che presso le Poste. Secondo la società “la quotazione in Borsa di Enel Green Power rappresenta una nuova opportunità di investimento ed una grande occasione per partecipare alla crescita delle fonti rinnovabili, che rappresentano il futuro dell’energia e di tutte le persone”.

Ma vediamo come sta procedendo l’operazione. Sembra innanzitutto che Enel Green Power non abbia intenzione di crescere tramite acquisizioni nel fotovoltaico. "Non abbiamo bisogno di acquistare aziende”, ha spiegato alla stampa l’amministratore delegato di EG, Francesco Starace spiegando come la società abbia come obiettivo quello di essere presente su tutto il mercato delle rinnovabili. In particolare, ha aggiunto il’amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti in occasione della conferenza stampa di presentazione della controllata, Enel Green Power ha intenzione di crescere ulteriormente nel comparto dell'energia eolica, ma senza l'ausilio degli incentivi, che oggi incidono solo per il 30% di tutti i ricavi del gruppo"Vogliamo crescere in un comparto tecnologico sottorappresentato come l'eolico - ha detto Conti - ma questo non deve essere legato agli incentivi. I nostri investimenti devono guadagnarsi da vivere da soli, devono essere auto-sostenibili, redditizi al di la' degli incentivi". La crescita di Enel Green Power, ha aggiunto, in generale avverra' in modo organico, perchÈ "non abbiamo bisogno di acquisizioni".

Ma non è tutto. Conti ha scelto anche Youtube per presentare l’Ipo di Enel Green Power. In un’intervista pubblicata sul canale online ha infatti promesso di dare “grandi soddisfazioni agli azionisti''. Oggi Egp, ha aggiungto Conti nel suo intervento su Youtube, ''ha oltre 600 impianti in 16 paesi con una capacita' di 5800 mw È uno dei piu' grandi operatori al mondo con compenteza in tutte le tecnologie rinovabili'', "Il piano di investimenti di oltre 5 mld di euro ha l'obiettivo di portare entro il 2014 la capacita' produttiva a oltre 9 mila megawatt''. Conti ha inoltre spiegato che Enel Green Power ''lo scorso anno ha chiuso con un utile netto di 453 mln di euro a fronte di ricavi per 2,1 mld e un ebitda di oltre 1,3 mld di euro. Il rapporto debito ebitda È 2,5 volte il piu' basso tra i competitor del settore. Egp puo' quindi finanziare la sua crescita e ripagare gli azionisti con una politica di dividendi tra le piu' interessanti del settore''.

Rosamaria Freda

Leggi tutte le altre notizie su Enel Green Power

GreenBiz.it

Network