Menu

inquinamento aria 00Un report diffuso da un gruppo di organizzazioni mediche britanniche ha invitato tutti gli operatori del settore sanitario a cessare di sostenere finanziariamente le fonti fossili, fondando la scelta di disinvestire su "ragioni di ordine morale".

Secondo lo studio, infatti, è necessario abbandonare carbone, gas e petrolio per lo stesso motivo che, in passato, ha spinto a disinvestire dall'industria del tabacco: la loro pericolosità per la salute.

Il report Unhealthy Investments - realizzato dalle organizzazioni Medact, Healthy Planet UK, Climate and Health Council, Medsin e Centre for Sustainable Healthcare – discute il tema del disinvestimento dalle fossili sia dal punto di vista etico che da quello finanziario, definendo il cambiamento climatico come "la più grande minaccia sanitaria del ventunesimo secolo" e ricordando che l'inquinamento dell'aria è responsabile, ogni anno, di milioni di morti premature.

"Il legame tra fonti fossili, cambiamento climatico e inquinamento dell'aria è chiaro, e l'impatto sulla salute è troppo elevato." – ha dichiarato in proposito David McCoy, medico e direttore dell'organizzazione Medact – "Questo report mostra in modo inequivocabile che il settore sanitario dovrebbe terminare per sempre ogni rapporto finanziario con le fonti fossili."

"Due decadi fa, il settore sanitario britannico ha guidato il fronte del disinvestimento dall'industria del tabacco, aprendo un dibattito pubblico sull'argomento e favorendo l'adozione di leggi più severe riguardo al fumo." – racconta nel report Martin McKnee, docente di salute pubblica presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine – "Questo report mostra come oggi, nel 2015, gli investimenti nelle fonti fossili non possano più essere considerati eticamente sopportabili. È questa una delle sfide che caratterizzano il nostro tempo."

Il report segue di alcuni mesi la presa di posizione della British Medical Association, l'associazione di categoria dei medici britannici, che è stata la prima organizzazione sanitaria al mondo a votare a favore del disinvestimento dalle fonti fossili e del sostegno alle rinnovabili.

Le organizzazioni mediche britanniche vanno ad aggiungersi al sempre più ampio fronte del disinvestimento dalle fossili, che comprende centinaia tra centri di ricerca, università, enti locali e istituzioni religiose, in ogni angolo del Pianeta.

Lisa Vagnozzi

LEGGI anche

Cambiamenti climatici: tutti contro gli investimenti fossili, ma Harvard va controcorrente

Cambiamenti climatici: i docenti dell'Università di Stanford si schierano contro le fossili

Investimenti nelle fossili? Un rischio insostenibile, gli azionisti puntano sul green

Addio alle fonti fossili: anche la Diocesi di Oxford dice si'

GreenBiz.it

Network