Menu

immagineIl CdA di Erg ha approvato il Resoconto Intermedio sulla Gestione al 30 settembre 2014. Nel terzo trimestre 2014 i ricavi adjusted sono di 1.081 milioni di euro, in diminuzione rispetto al terzo trimestre 2013 (2.762 milioni), in conseguenza principalmente dell'uscita dal settore della Raffinazione Costiera e della cessione dell'impianto di ISAB Energy, spiega una nota. Il margine operativo lordo consolidato a valori correnti adjusted è pari a 100 milioni di Euro, in calo rispetto ai 143 milioni dello stesso periodo del 2013.

RINNOVABILI - Il margine operativo lordo è di 52 milioni di euro, in forte crescita rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (36 milioni). Il fattore determinante è l’aumento delle produzioni dovuto sia a condizioni di ventosità più favorevoli in Italia, sia ai nuovi parchi entrati in esercizio nel 2014.

POWER - Il margine operativo lordo di 35 milioni risulta inferiore rispetto ai 100 milioni del terzo trimestre del 2013, che beneficiavano del contributo dell'impianto di ISAB Energy, ceduto a fine giugno 2014. Al netto di tale effetto i risultati, a parità di perimetro, sono superiori allo scorso anno.

DOWNSTREAM INTEGRATO – Il margine operativo lordo è di 18 milioni, in miglioramento rispetto ai 13 milioni del 2013. Dipende principalmente dalla cessazione dell'attività di Raffinazione Costiera conseguente al trasferimento dell'ultimo 20% della Raffineria ISAB, mentre il risultato continua a risentire della debolezza delle vendite di carburanti. Il risultato operativo netto – dicono da Erg - a valori correnti adjusted è di 48 milioni di euro (era di 71 milioni nel terzo trimestre del 2013) dopo ammortamenti per 52 milioni (72 milioni nel terzo trimestre 2013). Il risultato netto di Gruppo a valori correnti è di 12 milioni di euro, in linea rispetto agli 11 milioni del terzo trimestre del 2013, che beneficiava del contributo di ISAB Energy per circa 17 milioni. Al netto di tale effetto i risultati sono in forte crescita rispetto allo scorso anno principalmente per il maggior contributo delle rinnovabili e di un minore tax rate anche a seguito della riduzione dell'addizionale IRES dal 10,5% al 6,5%, in parte compensato dai maggiori oneri finanziari penalizzati da differenze cambio negative legate all'operatività nel trading oil.

INDEBITAMENTO - L'indebitamento finanziario netto è di 387 milioni di euro, in diminuzione di 421 milioni rispetto a quello del 31 dicembre 2013. Contribuiscono l'incasso derivante dalla risoluzione del contratto CIP6 di ISAB Energy (515 milioni) e il flusso di cassa operativo di periodo, parzialmente compensati dal pagamento dei dividendi da ERG S.p.A. (143 milioni di euro) e da ISAB Energy al socio di minoranza (22 milioni di euro) e dall'acquisizione della quota di minoranza di ISAB Energy e ISAB Energy Services (153 milioni di euro). L'indebitamento al 30 settembre 2014 – continua la nota - beneficia anche dell'importo di 50 milioni di euro a seguito dell'ingresso di Unicredit nell'azionariato di ERG Renew. Nell'indebitamento finanziario netto sono rilevate passività finanziarie relative al fair value di strumenti derivati a copertura del tasso di interesse per circa 187 milioni (141 milioni al 31 dicembre 2013).

Il calo dell'indebitamento, rispetto al 30 giugno 2014 (1.041 milioni di Euro), è principalmente legato all'incasso a seguito della risoluzione del contratto CIP6 di ISAB Energy (515 milioni di euro) oltre al flusso di cassa generato nel periodo. L'indebitamento finanziario netto adjusted, che include la quota di competenza Erb della posizione finanziaria netta nelle joint venture TotalErg e LUKERG Renew, è di 640 milioni di Euro, in diminuzione di circa 375 milioni rispetto al 31 dicembre 2013, e riflette le variazioni già descritte, parzialmente compensate dall'incremento dell'indebitamento delle joint venture legato al flusso di cassa del periodo. Sono rilevate passività finanziarie relative al fair value di strumenti derivati a copertura del tasso di interesse per circa 194 milioni (147 milioni al 31 dicembre 2013).

EVOLUZIONE - Si consolida l'indicazione data alla comunità finanziaria ad inizio anno per un margine operativo lordo a valori correnti di Gruppo nel 2014 di circa 470 milioni di euro (569 milioni nel 2013). Il confronto con il 2013 deve essere considerato alla luce delle forti discontinuità di perimetro avvenute nel corso del 2014 – concludono da Erg - per effetto della citata cessione di ISAB Energy, al netto della quale il risultato risulterebbe in ulteriore forte crescita.

Anna Tita Gallo

Erg: netto miglioramento dei risultati nel terzo trimestre

LEGGI anche:

Erg dice addio alla raffinazione e punta tutto sull'eolico

Energia, le rinnovabili coprono il 38% della domanda

Sorgenia, ceduto l’eolico in Italia e Francia

Enel: margini in calo. Al via riorganizzazione attivita'

GreenBiz.it

Network