Menu

ecofeste erPer il secondo anno consecutivo, la Regione Emilia-Romagna ha stanziato 150.000 euro per sostituire, nelle sagre e feste di paese organizzate sul proprio territorio, l'usa e getta in plastica con piatti in ceramica, bicchieri di vetro e stoviglie in metallo (e anche per procurarsi una lavastoviglie industriale).

L'iniziativa rientra tra le misure del Piano d'azione ambientale 2011-2013 ed è rivolta a Comuni, Onlus e Pro Loco, a cui potrà essere destinata la cifra complessiva di 150.000 euro, con un tetto massimo di 5.000 euro per ogni singolo evento.

Sarà possibile presentare le domande dal 1° al 20 giugno: il bando e i moduli di partecipazione e rendicontazione sono disponibili sul sito internet della Regione Emilia-Romagna. I contributi verranno erogati entro il limite dei 150.000 euro seguendo l'ordine cronologico di presentazione delle domande e tenendo anche conto dell'attivazione, in occasione della festa o della sagra oggetto del finanziamento, di tutte le modalità di raccolta differenziata, compresa la raccolta degli oli di frittura.

L'obiettivo è ridurre la produzione di rifiuti e incentivare la raccolta differenziata, diffondendo stili di vita sostenibili sul territorio regionale e cogliendo anche l'occasione per valorizzare i prodotti locali e i sapori della cucina tradizionale emiliana e romagnola.

Tutte le iniziative che saranno qualificate come "Ecofeste", oltre a ricevere l'incentivo regionale, dovranno utilizzare il logo del Piano d'Azione Ambientale, nonché la dicitura "Intervento realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna - Piano di Azione Ambientale per un futuro sostenibile" su tutti i materiali promozionali e informativi realizzati.

Nel 2012, stanziando la stessa cifra, la Regione Emilia-Romagna ha finanziato ben 42 "Ecofeste" sul proprio territorio. "Abbandonare le stoviglie di plastica – ha commentato l'Assessore regionale all'Ambiente Sabrina Fredavalorizza il gusto dei prodotti tipici emiliano-romagnoli a chilometro zero e riduce allo stesso tempo la produzione di rifiuti di feste e sagre e quindi anche l'impatto ambientale. Per questo promuoviamo le "Ecofeste", con la sostenibilità c'è anche più gusto".

Lisa Vagnozzi

GreenBiz.it

Network