Menu

sperimentazione animale bando icareUn assegno di ricerca per chi vorrà dedicarsi alla riconversione dalla sperimentazione animale verso le metodologie specie-specifiche per l'essere umano. Il bando per l'assegno di ricerca viene messo a disposizione da I Care Italia.

I Care, Centro Internazionale per le Alternative nella Ricerca e nella Didattica, ha sede in India e progetti in varie nazioni. Il bando rientra nell'ambito della raccolta fondi ricerCARE, base portante dell'iniziativa Italia Senza Vivisezione.

Il bando prende in considerazione, tra vari aspetti, la tendenza di parte della comunità scientifica a indirizzarsi verso metodologie specie-specifiche per l'essere umano, la possibilità di ragionare in termini di simulazione dell'organismo umano e non della singola cellula; il finanziamento nazionale stanziato per il 2014 per i cosiddetti metodi alternativi "pari a un risibile e inutile 52.500 euro (D.L. 26/2014, art. 41, comma 2)"; il finanziamento nazionale stanziato per gli anni successivi per i cosiddetti metodi alternativi destinato inaspettatamente e unicamente agli Istituti Zooprofilattici Sperimentali e non ai tradizionali centri di ricerca italiani.

Gli assegni di ricerca sono destinati a singoli ricercatori (anche stranieri) o gruppi di ricerca, in tutti i casi operanti in strutture italiane autorizzati a svolgere ricerca biomedica, che attualmente utilizzano metodologie che, direttamente o indirettamente, fanno uso di animali.

Sono destinati a coprire i costi di riconversione per passare dalla sperimentazione animale a metodologie specie-specifiche per l'essere umano. Non possono superare la cifra di 52.500 euro l'uno per uguagliare, simbolicamente, l'intero finanziamento nazionale destinato ai cosiddetti metodi alternativi del 2014.

Ai selezionati, secondo le modalità indicate nei successivi articoli, verrà conferito un assegno pari al 70% del costo di riconversione a inizio progetto e il restante 30% alla fine. Gli assegni non sono cumulabili tra loro all'interno dello stesso progetto di ricerca.

La data di inizio del progetto non deve essere precedente al 1 giugno 2015, mentre la data di fine del progetto non può essere successiva al 31 maggio 2016.

Per la partecipazione alla selezione sono richiesti, pena l'esclusione, i seguenti titoli di studio e requisiti curriculari: laurea e Curriculum scientifico-professionale idoneo allo svolgimento della ricerca. Il possesso del titolo di dottorato di ricerca o PhD o equivalente conseguito all'estero ovvero il titolo di specializzazione in area medica costituiscono titolo referenziale ai fini dell'attribuzione degli assegni. I requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di ammissione alla selezione.

La domanda di partecipazione alla selezione dovrà essere indirizzata a I-CARE EUROPE Onlus, via degli alberi 100, 22070, Fenegrò (CO) e inviata a mezzo raccomandata con avviso di ritorno entro il giorno 30 marzo 2015 a pena di esclusione. In caso di raccomandate ricevute oltre la data di scadenza farà fede il timbro postale.

Per maggiori informazioni: I Care Italia e Italia Senza Vivisezione.

Marta Albè

Leggi anche:

Lush Prize: 300mila euro per la ricerca alternativa ai test su animali
Ogm: obbligatori 90 giorni di sperimentazione su topi in Europa

GreenBiz.it

Network