Menu

LogoEdisonDimostrare che un sistema di illuminazione intelligente basato su una Piattaforma Smart Energy (SEP) aumenta in maniera significativa l'efficienza energetica degli edifici, riducendo l'emissione di CO2 e permettendo elevati risparmi.

È questo l'obiettivo del progetto finanziato dalla Comunità Europea Energy Distribution Infrastructure for SSL Operative Network, che coinvolge 14 Partner in 5 Paesi europei. Utilizzando misuratori wireless di energia, sensori, powerline, microcomputer, convertitori AC/DC, software di centralizzazione per il management remoto e lampade allo stato solido (SSLs), la piattaforma Smart Energy si propone di ridurre le perdite di energia favorendo un rilevante risparmio energetico, superiore al 15% in un anno.

In particolare, il progetto ha riguardato le sedi dei Comuni abruzzesi di Manoppello, Lettomanoppello e Roccamontepiano, all'interno di alcune scuole materne, elementari e medie degli stessi Comuni.

L'azienda responsabile dell'installazione, O.Zone, ha deciso di inserire all'interno dell'architettura del network alcuni nodi semi-intelligenti in grado di trasferire in maniera bidirezionale, utilizzando la rete elettrica preesistente, i dati che arrivano dai sensori verso la piattaforma gestionale e i comandi che arrivavano dal software di management remoto verso i corpi illuminanti, opportunamente modificati per rispondere agli input.

Anche D-Link, azienda leader di mercato nelle soluzioni di networking per utenti finali e aziende, ha preso parte al pioneristico progetto. In questo contesto, i PowerLine D-Link, integrati nelle centrali semiperiferiche (CPC Master), utilizzando la rete elettrica come mezzo trasmissivo, consentono agli amministratori di rilevare, anche da remoto, l'effettivo risparmio energetico ottenuto in ciascun edificio.

È stato così possibile realizzare un nodo infrastrutturale robusto e resiliente all'interno di un ambiente semindustriale che porterà a una notevole riduzione del consumo annuale di energia elettrica degli edifici, pari a oltre il 60% degli attuali costi d'illuminazione elettrica, e a una drastica riduzione dell'emissione annuale di CO2. "Abbiamo scelto D-Link sia perché offre un robusto supporto pre e post-vendita agli installatori e agli integratori di sistemi, sia per le performance e la stabilità assicurati dai suoi apparati PowerLine", ha commentato Silvio Leoni, Amministratore di O.Zone.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

- Efficientamento energetico della PA: un'opportunità per tutto il Paese

GreenBiz.it

Network