Menu

allevamenti uova pulcini

I pulcini maschi sono inutili per l’industria produttrice delle uova. Per questo motivo vengono gassificati o triturati vivi appena nati. La strage dei pulcini maschi continua in tutto il mondo ma ora alcune aziende vogliono fermarla.

La United Egg Producers, il gruppo industriale che rappresenta il 95% dei produttori di uova negli Usa, ha appena annunciato che smetterà di triturare i pulcini maschi entro il 2020. Ciò avverrà grazie alle nuove tecnologie che consentono di riconoscere il sesso dell’embrione quando si trova ancora nell’uovo.

The Humane League, gruppo che si batte in difesa degli animali, ha negoziato l’accordo con i produttori di uova statunitensi. Il test dell’embrione potrebbe porre fine ad una pratica davvero crudele nei confronti egli animali. I produttori di uova non allevano i pulcini per ottenere carne da mettere in vendita perché le razze utilizzate per ottenere le uova sono differenti da quelle da cui si produce la carne. Fino ad ora per eliminare i pulcini maschi l’industria produttrice di uova si è servita di tritatutto ad alta velocità o di tecniche di soffocamento, secondo The Humane League.

Nel frattempo la Humane Society of the United States ha condotto un’investigazione shock sulle condizioni di un allevamento di galline nel Maine. L’organizzazione animalista ha raccolto i filmati girati nel corso di un mese. Le immagini mostrano gabbie arrugginite, uova ricoperte di feci e cumuli di animali morti.

Le gabbie sono così piccole che le galline non possono nemmeno aprire le ali. Gli animali vivi spesso sono confinati in gabbie dove si trovano anche delle galline morte – con vere e proprie carcasse in decomposizione. Per non parlare delle gabbie e delle uova ricoperte di feci. Secondo la Humane Society non mancano purtroppo animali feriti e sanguinanti lasciati sopravvivere in quelle condizioni.

allevamenti uova galline usa

Fonte foto: Humane Society

Il Dipartimento dell’Agricoltura del Maine ora interverrà a propria volta con un’investigazione per comprendere meglio la situazione degli allevamenti di galline ovaiole di proprietà di Austin “Jack” DeCoster.

Per comprendere la gravità della situazione, guardate il video.