Menu

doggy bag francia

Dal 1° gennaio 2016, all’interno della legge sui rifiuti, in Francia viene caldamente consigliato ai ristoranti di offrire alla propria clientela la doggy bag per portare a casa il cibo rimasto nel piatto.

Le doggy bag non saranno obbligatorie nei ristoranti, ma saranno semplicemente molto raccomandate per contribuire a ridurre il problema degli sprechi alimentari. La raccomandazione giunge dall’Unione delle professioni e delle industrie per l’ospitalità.

L’introduzione delle doggy bag permette ai ristoratori di ridurre soprattutto i rifiuti organici e nello stesso tempo consente alla clientela di portare via con sé del cibo che è stato comunque pagato, anche se il suo consumo non terminerà all’interno del ristorante.

Raccomandare le doggy bag alla clientela dei ristorante fa parte dell’attuazione della legge sui rifiuti associati alla preparazione dei cibi, sugli avanzi e sugli alimenti scaduti, approvata nel 2011. L’attuazione della legge ha avuto inizio nel 2012 ed è stata progettata per risultare progressiva. Al momento si applica, di fatto, soltanto ai maggiori produttori di rifiuti organici.

Ora come ora la legge francese riguarda soltanto le imprese di ristorazione che producono più di 10 tonnellate di rifiuti organici. La soglia riguarderebbe ristoranti che servono tra le 150 e le 200 persone al giorno. Solo le grandi realtà al momento sembrano dunque interessate.

Le doggy bag sono molto diffuse nei Paesi anglosassoni e da qualche tempo sono approdate anche in Italia, mentre per i francesi portare a casa gli avanzi dal ristorante non è ancora diventata un’abitudine comune.

Per invogliare i cittadini alle buone abitudini, in Francia la doggy bag è stata ribattezzata ‘gourmet bag’ con il messaggio: ‘Il cibo era così buono che ho deciso di portarlo a casa!’. In questo modo si dona alla doggy bag un’immagine più positiva per superare l’impressione di tirchieria che i francesi temono di offrire nel richiedere di portare a casa i propri avanzi dal ristorante.

Marta Albè

Fonte foto: Lasoffleusedemots

Leggi anche:

GreenBiz.it

Network