Menu

giovanni cannata commissario ineaGiovanni Cannato è stato nominato commissario straordinario dell’Inea. L’Istituto Nazionale di Economia Agraria viene commissariato all’insaputa dei politici. La notizia sarebbe stata tenuta nascosta nel corso delle ultime settimane, con un certo disappunto da parte di alcuni deputati, che avrebbero appreso la novità navigando sul web.

Il ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo a fine dicembre aveva sottolineato l’importanza di collaborazione e comunicazione nell’ambito dell’economia agricola, ma pare che le promesse non siano state rispettate. La nomina del commissario può essere considerata un vero e proprio colpo di mano da parte del ministro stesso?

Massimo Fiorio, vicepresidente della Commissione Agricoltura della Camera e deputato Pd, è intervento sulla decisione del ministro delle Politiche Agricole, Nunzia De Girolamo riguardo alla gestione dell’Istituto Nazionale di Economia Agraria, dichiarando quanto segue: “Viene commissariato l’Inea e lo veniamo a sapere solo spulciando il sito internet istituzionale. Nessuna condivisione, nessuna comunicazione: un colpo di mano fra Capodanno e la Befana. Siamo sconcertati”.

La fonte ufficiale della notizia sarebbe dunque il sito istituzionale Inea e non vi sarebbero state comunicazioni ufficiali rivolte ai politici. “Non solo viene commissariato un ente di ricerca strategico per l’intero settore nazionale senza nessun confronto all’interno della maggioranza – ha sottolineato Massimo Fiorio –, ma viene addirittura nascosta la notizia. E pensare che proprio il Ministro Nunzia De Girolamo, nel corso della conferenza stampa di fine dicembre che evidenziava le misure introdotte a sostegno dell’agricoltura nella Legge di Stabilità, aveva sottolineato l’importanza della condivisione, della concertazione e della collaborazione sinergica e proficua fra ministero e forze politiche parlamentari che sostengono il governo. Un bell’esempio di lealtà”.

Dal sito web di Inea si apprende che il Prof. Giovanni Cannata, in precedenza rettore dell’Università del Molise, è stato nominato Commissario straordinario Inea e che il riconoscimento rappresenta il coronamento dell’attività didattica e di ricerca portata avanti fino ad ora. Subito dopo l’insediamento ufficiale, il commissario si è subito messo al lavoro per sollecitare l’implementazione degli studi sullo sviluppo del sistema agricolo allargato e sui problemi economici in agricoltura e nella gestione dell’ambiente e del territorio.

La nomina sarebbe dovuta alla necessità di superare le difficoltà che in tempi recenti hanno caratterizzato la vita dell’Istituto. Viene auspicata una forte collaborazione con le Regioni e le altre istituzioni, il sistema delle Rappresentanze sindacali e imprenditoriali. Le attività ispettive avrebbero evidenziato irregolarità gestionali e nell’operato del Cda. Ha dunque preso il via il procedimento di commissariamento, che ha portato alla nomina del commissario straordinario. Si parla di un provvedimento necessario a seguito di numerose segnalazioni e interrogazioni parlamentari che hanno evidenziato presunte irregolarità gestionali all’interno dell’istituto, come ha sottolineato lo stesso ministro De Girolamo, che ha provveduto a nominare una commissione di indagine e a designare il commissario.

Tra i numerosi incarichi ricoperti nel corso della sua carriera - come ricorda il Mipaaf -, il professor Cannata, oltre ad essere stato per un lungo periodo Rettore dell'Università del Molise, è stato componente del Consiglio Direttivo del CNR e del Consiglio Universitario Nazionale, Presidente della SIDEA, la Società Italiana di Economia Agraria e dell'AIEAA, l'Associazione Italiana di Economia Agraria e Applicata. Ora non resta che attendere per conoscere le sorti dell’Inea.

Marta Albè

Leggi anche: Rapporto Inea 2013: cauto ottimismo per l'agricoltura italiana

GreenBiz.it

Network