Menu

mais ogm fidenatoFidenato è stato assolto. Nelle scorse settimane l'agricoltore aveva seminato 7000 metri quadri di mais OGM Monsanto in Friuli. La sentenza non sorprende, in quanto basata su di un passo falso europeo e sul vuoto normativo italiano, che dovrebbe presto essere colmato grazie all'inizio dei lavori sulla clausola di salvaguardia, per mezzo dell'approvazione del relativo decreto interministeriale.

Il Tribunale di Pordenone si è pronunciato ieri, mercoledì 17 luglio 2013, sul caso Fidenato. L'assoluzione non riguarda i fatti più recenti, ma la prima semina di mais OGM avvenuta in Italia ad opera di Fidenato, nel 2010. Si è trattato di una sentenza annunciata, come ha dichiarato Roberto Burdese, presidente di Slow Food Italia. L'associazione si era costituita parte civile nel corso del processo. A parere del presidente di Slow Food, il processo è stato condizionato in maniera determinante dal pronunciamento della Corte di Giustizia Europea del maggio scorso:

"Questo processo è stato condizionato in maniera determinante dall'intervento della Corte di Giustizia Europea del maggio scorso. Noi abbiamo criticato già allora nel metodo e nel merito quell'ordinanza e oggi non possiamo che prendere atto di quanto disposto dal Tribunale di Pordenone. Proseguiamo naturalmente la nostra battaglia per un'Italia libera da Ogm e chiediamo al Governo, che la scorsa settimana ha vietato in Italia la coltivazione del Mon 810, di esercitare la clausola di salvaguardia".

Stefano Cavallito, Alessandro Lamacchia e Katjuscka Piane, legati all'associazione Slow Food Italia, hanno dichiarato che l'ordinanza europea si è fondata su un fraintendimento grave circa la natura dell'autorizzazione alla semina degli Ogm: "Il fraintendimento deriva dal fatto che l'autorizzazione prevista dalla legge italiana mirava alla tutela della biodiversità e a porre delle regole di coesistenza, come chiaramente ribadito dalla nostra Suprema Corte con argomentazioni del tutto ignorate dai giudici europei. La corte lussemburghese, che non ha neppure ritenuto di sentire le parti interessate nel processo, primo tra tutti lo Stato italiano, ha invece richiamato un suo precedente, reso in un caso del tutto diverso".

Coltivare OGM in Italia è dunque legale? Il nuovo decreto interministeriale vieta la coltivazione di mais OGM in Italia, ma la Regione Friuli si appresta alla stesura di una bozza di regolamento regionale contro la presenza involontaria di OGM nelle coltivazioni convenzionali e biologiche. Il regolamento regionale del Friuli potrebbe consentire la semina di OGM a fini sperimentali e autorizzata sulla base delle direttive europee. È giunto il momento per il Governo di esercitare la clausola di salvaguardia per proteggere la biodiversità dell'agricoltura italiana.

Marta Albè

LEGGI anche:

Ogm: il risveglio dal letargo. Firmato il decreto che vieta la coltivazione del mais MON810 in Italia

OGM: la Camera approva mozione unitaria per la clausola di salvaguardia

OGM: Monsanto dice addio all'Europa?

GreenBiz.it

Network