Menu

mosca olearia

Nuove tecnologie per contrastare la mosca dell’ulivo. Dalla Regione Umbria ecco i software innovativi che aiuteranno a tenere sotto controllo il problema. Non solo Xylella, dunque. Un'altra minaccia, già nota da tempo, mette in pericolo gli ulivi italiani.

L’Assessorato all’Agricoltura ha dato il via libera alla nascita di un portale web rivolto agli operatori del settore per fornire indicazioni sulla presenza del parassita e informazioni su come intervenire.

Arrivano online i bollettini fitosanitari, le app e una piattaforma basata sul sistema Agricolus. Le informazioni sulla mosca olearia sono suddivise in base alla posizione geografica. È possibile accedere ad Agricolus attraverso il portale della Regione Umbria. Per accedere al portale è necessario registrarsi e creare un account.

Inoltre, a livello europeo, è in corso di sviluppo la piattaforma Oliwes, che avrà sempre al centro l’obiettivo di monitorare la presenza della mosca olearia.

Sul territorio dell’Umbria verranno distribuite delle apposite trappole che serviranno per verificare la presenza della mosca olearia. Le informazioni verranno inviate ad una banca dati consultabile sul portale web della Regione o tramite app.

Gli agricoltori sapranno così in tempo reale se la mosca dell’ulivo è presente e quali misure intraprendere per contrastarla. La speranza è di poter salvare in tempo i raccolti delle olive dagli attacchi della mosca olearia.

La mosca olearia, infatti, è considerata l’avversità più grave a carico degli ulivi, dato che arriva a condizionarne sensibilmente la produttività. La mosca depone le larve che si sviluppano proprio all’interno delle olive, compromettendo così le possibilità di raccolta. Per contrastare il problema si effettuano trattamenti curativi e preventivi contro le larve e contro le mosche adulte.

Clicca qui per accedere e registrarti al portale Agricolus.

Marta Albè

Fonte foto: teatronaturale.it

Leggi anche:

GreenBiz.it

Network