Menu

cacao ebolaI prezzi del cacao sono saliti a livelli mai visti dalla primavera del 2011 per via dei timori legati alla diffusione del virus Ebola in Africa Occidentale, con particolare riferimento alla Costa d’Avorio e al Ghana. Negli ultimi dieci giorni i prezzi del cacao sono cresciuti del 10%.

Si parla di 2187 sterline per tonnellata di cacao a Londra e di 3399 dollari a New York. I sistemi sanitari di Liberia, Sierra Leone e Guinea sono stati travolti dall’epidemia, che ha infettato più di 6200 persone in Africa occidentale e ucciso quasi la metà dei contagiati.

L’Ebola continua a diffondersi e si avvicina alla più grande regione di produzione mondiale del cacao, che comprende la Costa d’Avorio e il Ghana, con gravi preoccupazioni per le interruzioni delle forniture di questa materia prima ampiamente utilizzata nell’industria alimentare. Lo ha dichiarato Ole Hansens, analista di Saxo Bank.

A suo parere, ottobre è un mese critico per il mercato del cacao, in quanto segna l’inizio del raccolto. Eventuali interruzioni di trasporto o di carenze di manodopera nelle due maggiori zone di produzione mondiale potrebbero avere un impatto molto significativo sui prezzi. Il mercato di New York potrebbe potenzialmente battere il record precedente, pari a 3826 dollari per tonnellata, raggiunto nel 2011, quando la guerra civile in Costa d’Avorio ha scatenato gravi interruzioni delle forniture.

Fino a questo momento, però, né in Ghana né in Costa d’Avorio sarebbero stati segnalati casi confermati di Ebola ed entrambi i Paesi hanno chiuso le loro frontiere con le zone interessate dall’epidemia, per cercare di ridurre la minaccia, secondo le parole di Thomas Pug, analista di Capital Economics.

Un focolaio di Ebola in questa zona potrebbe comportare la sospensione di tutti gli acquisti di cacao. Il risultato? La potenziale perdita del 60% del cacao mondiale. Ecco dunque che nel dubbio i prezzi sono già in aumento. In Costa d’Avorio, presso il porto di San Pedro, alcuni lavoratori si sarebbero rifiutati di attraccare i Cargo.

E l’attesa conferenza sul cacao prevista per il mese di ottobre in Costa d’Avorio è stata cancellata da Barry Callebau, uno dei maggiori produttori di cacao in Africa. Infine, molti dei lavoratori impegnati nella raccolta del cacao migrano dai Paesi colpiti dall’Ebola. La loro assenza potrebbe ostacolare la raccolta del cacao e contribuire ad un ulteriore aumento dei prezzi.

Marta Albè

Leggi anche:

Piu' cacao nelle piantagioni per gli agricoltori del Ghana

Nasce CocoaAction, alleanza di grandi marchi a favore della sostenibilità nella filiera del cacao

Ferrero sceglie Fairtrade: acquisterà 20 mila tonnellate di cacao certificato

GreenBiz.it

Network