Menu

vino È disponibile per chi possiede uno smartphone “V.I.V.A.”, l’applicazione ufficiale gratuita per iphone e Android firmata ministero dell’Ambiente che permette di identificare il vino sostenibile “made in Italy”.

IL PROGETTO – Si tratta di un’iniziativa che il ministero ha portato a termine appoggiandosi a partner di tutto rispetto provenienti dal mondo della ricerca: Agroinnova, Centro di Competenza dell’Università di Torino; Centro di Ricerca Opera per l’agricoltura sostenibile dell’Università Cattolica del Sacro Cuore; Centro di Ricerca sulle Biomasse dell’Università degli Studi di Perugia. Lo scopo è quello di incentivare la trasparenza, infatti l’app legge le etichette apposte sulle bottiglie delle aziende che aderiscono al progetto “VIVA Sustainable Wine”.

“Il progetto “VIVA Sustainable Wine” ha lo scopo di misurare e migliorare le performance ecosostenibili della filiera vite-vino, a partire dalla sperimentazione su alcuni grandi produttori italiani, che hanno sottoposto il loro processo produttivo ad una valutazione dell’impronta ambientale dal campo al consumo”, si legge infatti su una nota istituzionale.

App VIVA2

COME FUNZIONA L’APP – 4 indicatori (Aria, Acqua, Territorio e Vigneto) sono i parametri che hanno permesso a 9 grandi aziende italiane di misurare l’impatto della loro produzione sull’ambiente ed intraprendere, su base volontaria, un percorso di miglioramento. I dati ottenuti sono in corso di validazione da parte di un ente terzo e compariranno poi sull’etichetta con un valore numerico e grafico. L'App descrive le cantine che aderiscono al progetto - F.lli Gancia & Co, Masi Agricola, Marchesi Antinori, Mastroberardino, Michele Chiarlo, Castello Monte Vibiano Vecchio, Planeta, Tasca d’Almerita e Venica&Venica – dà la possibilità di geo-localizzarle e fornisce quindi indicazioni stradali attraverso mappe. Descrive poi i loro vini con apposite schede. In altre parole, si tratta di un data base della vitivinicoltura italiana in termini di qualità ed eco sostenibilità, che vuole innescare un percorso green, “fornendo alle aziende uno strumento di diagnosi degli impatti del prodotto-vino e ai consumatori una garanzia di assoluta trasparenza per il consumatore”, per dirla ancora con le parole degli sviluppatori del progetto.

L'App è disponible sia per dispositivi Apple che Android.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Vino biologico: è boom dei consumi nel 2012

Vinitaly 2013: qual è il modo migliore per ridurre l'impatto delle aziende vitivinicole?

Il cambiamento climatico minaccia la produzione di vino

GreenBiz.it

Network