Menu

regionelombardia 450Il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi si trova oggi a Milano. Incontrerà i vertici di Expo e delle istituzioni locali per discutere di una delle notizie più importanti degli ultimi giorni: gli arresti relativi all’inchiesta che ha coinvolto Lombardia Infrastrutture e ne ha spazzato via i vertici. Arriva intanto la prima nomina: è Diego Riccardo Robuschi, nuovo direttore dei lavori.

EXPO E I CANTIERILombardia Infrastrutture è l’azienda che ufficialmente il cantiere in vista di Expo 2015. Si tratta di una vera e propria bufera, quella abbattutasi nelle ultime ore, che le istituzioni tentano di minimizzare.

OMBRE SU EXPO? - Lo stesso Lupi, in un’intervista al Corriere, dichiara che non esiste un problema di trasparenza in Expo: “Con il presidente Maroni, il commissario Sala e il sindaco Pisapia su questo tema abbiamo lavorato fin dall’inizio e il prefetto ha gestito il tavolo che ha portato al protocollo anti-infiltrazioni: i controlli ci sono e sono efficaci”, risponde.

LE PROMESSE – Naturalmente, la preoccupazione principale riguarda le tempistiche. Ma Lupi sostiene che l’inchiesta e quanto accaduto non dovrebbero interferire. “Non bisogna salvare l’Expo”, ha detto Lupi poco prima del vertice, questa mattina. L’Expo, insomma, non è a rischio, non ci sono problemi se non quelli strettamente giudiziari, che però non comprometteranno l’iter previsto e il cronoprogramma.

Anche il sindaco di Milano Giuliano Pisapia si dichiara tranquillo: "Le istituzioni non si possono dividere, andremo avanti e soprattutto vinceremo la sfida che abbiamo davanti", ha detto. Ora però per andare davvero avanti le istituzioni dovranno prima di tutto sostituire indagati e arrestati. È di qualche minuto fa la notizia della nomina di Diego Riccardo Robuschi a direttore dei lavori del cantiere del sito Expo 2015, al posto di Alberto Porro.

LE POLEMICHE – Se Pisapia si dichiara estraneo alla vicenda e passa la palla al governatore Roberto Maroni, sui ritardi che quest’ultimo imputava al Comune è ancora più drastico e del tutto li nega. L’armonia che Lupi esalta forse non è del tutto stata raggiunta, ma per dirla con le parole di Maroni: “Sono polemiche che ci stanno anche''.

Anna Tita Gallo

GreenBiz.it

Network