Menu

meeting_greenUn evento interamente eco-sostenibile, nell'organizzazione come nella comunicazione: è il “Green Meeting Experience” che Riso Gallo sta organizzando a Varese in collaborazione con Varese Convention & Visitors Bureau, in programma dal 19 al 21 maggio 2011 presso l’Hotel le Robinie di Solbiate Olona (Varere). Si tratta di alcune giornate dedicate alla presentazione di un nuovo prodotto per il turismo congressuale, il green meeting appunto, che mira a rendere sostenibili e a impatto zero gli eventi congressuali e post-congressuali.

Solitamente questo tipo di eventi produce infatti una quantità consistente di rifiuti, spesso non riciclabili, ed è caratterizzato da uno spreco di risorse e materiali non indifferente: basti pensare che un convegno di 5 giorni che coinvolge 350 partecipanti produce, in termini di rifiuti, circa 12.250 tovaglioli, 10.000 bicchieri di plastica e 12.600 bottigliette di acqua. Per questo Riso Gallo, azienda impegnata nella promozione dei valori più richiesti dal mercato, ha deciso di organizzare un primo evento totalmente green nella provincia di Varese: “Scelta assolutamente non casuale - spiega Paola Bassignana, responsabile marketing dell’azienda pavese - Questa provincia lombarda si distingue infatti per il suo vasto patrimonio ambientale e per i rigogliosi parchi, ville e giardini che colorano i paesaggi di questo territorio dominato dai laghi e dai corsi d’acqua”.

La provincia di Varese si è infatti dotata di una filiera turistica interamente green, proprio per tutelare e salvaguardare il suo importante patrimonio naturale. In quest'ottica rientra anche la ridefinizione della gestione di meeting e congressi organizzati nel territorio: “Con la Camera di Commercio di Varese - dice Giovanni Luatti, direttore dell’area Congress del Consorzio turistico varesino - abbiamo messo a punto la Carta per l’evento Congressuale che definisce alcuni elementi necessari per confezionare il green meeting". Ma quali sono questi elementi? Innanzitutto ovviamente il divieto di usare stoviglie di plastica e tovaglie di carta, a favore di materiali riciclabili. Si passa poi ai buffet e Lunch&Dinner realizzati a base di prodotti a km0, locali e freschi. Il basso impatto ambientale dell'evento, e di quelli che seguiranno, sarà infine garantito dal trasporto dei partecipanti, eseguito esclusivamente con l'ausilio di un pulmino elettrico, e dall'attenzione dedicata ai supporti utilizzati durante le sessioni di lavoro.

Il primo green meeting della Lombardia sarà dunque orientato alla più attenta , cercando di ridurre al minimo i rifiuti e gli sprechi energetici, un sicuro valore aggiunto anche per i suoi partecipanti. L'idea dell'evento e del nuovo prodotto turistico congressuale proposto è stata fortemente voluta e condivisa da tutti i soggetti istituzionali e gli enti che si occupano di turismo all’interno della Provincia di Varese: Camera di Commercio, Provincia, Agenzia del Turismo e Consorzio Turistico, Federalberghi, Confcommercio Varese e Confesercenti. Un esempio di come i gesti orientati alla tutela dell'ambiente possano integrarsi anche con il progresso turistico ed economico di un territorio.

Eleonora Cresci

 

GreenBiz.it

Network