Menu

fotovoltaico gifi post conto energia

Dopo la fine del Quinto Conto Energia non bisogna lasciare il fotovoltaico italiano a sé stesso, ma si devono trovare nuove misure di sostegno per accompagnarlo alla grid parity. Lo pensa Valerio Natalizia, ex presidente del GIFI che, in occasione dell'assemblea annuale dell'associazione, cedendo il testimone ad Emilio Cremona, ha presentato il documento "Proposte Gifi per il FV 2.1 in Italia".

Secondo Natalizia il fotovoltaico ha già cambiato il volto della generazione elettrica nazionale, tanto che il 7% del fabbisogno di energia viene oggi coperto con l'elettricità prodotta dai pannelli fotovoltaici. E, in estate, questa percentuale aumenta di parecchio.

In Italia i GW di fotovoltaico già installati sono oltre 18, e nel solo 2012 nell'intera Europa sono stati allacciati alla rete elettrica 17 GW. Erano 22 l'anno precedente, il 2011 anno d'oro del solare europeo.

Tuttavia, spiega Natalizia, l'Europa è ancora un mercato molto importante per il solare: l'anno scorso la Germania ha installato oltre 7 GW, l'Italia 3 e mezzo e, per confronto, USA e Giappone ne hanno installati 3,3 e 2 GW. La Cina viaggia a ritmi da 5 GW l'anno.

Ma come garantire che lo sviluppo del fotovoltaico in Italia continui e non si arresti di colpo, paralizzando un settore estremamente vivace? Con nuove misure di sostegno.

La prima misura suggerita dal GIFI è il prolungamento delle detrazioni al 50% per dodici, e non sei, mesi fino al 30 giugno 2014. Detrazione che, tra l'altro, non dovrebbe essere limitata alle persone fisiche ma anche a quelle giuridiche.

Andrebbero anche semplificate le procedure giuridiche e burocratiche di allacciamento del fotovoltaico alla rete e favorite le reti alternative, come i SEU e i RIU. I Certificati Bianchi dovrebbero essere estesi anche al fotovoltaico sopra i 20 kW e dovrebbe essere ripristinato il bonus per la sostituzione dell'amianto.

Spiace dirlo, ma le richieste del GIFI sembrano essere esattamente opposte alle proposte del Governo e, soprattutto, dell'Autorità per l'Energia elettrica e il Gas che ha recentemente proposto una nuova disciplina degli oneri di rete che penalizzerebbe i SEU e i RIU.

Peppe Croce

LEGGI anche:

Incentivi fotovoltaico: detrazioni del 50%, seu e riu gli eredi del quinto conto energia?

Quinto Conto Energia: esauriti gli incentivi al fotovoltaico

Fotovoltaico dopo il Quinto Conto Energia. Quali strategie serviranno per il settore senza incentivi?

GreenBiz.it

Network