Menu

Panasonic PowerSupplyContainerPortare l'elettricità dove non c'è grazie al fotovoltaico e all'accumulo di energia. Lo fa il "Sistema di alimentazione a Container" in grado di operare autonomamente, dedicato alle aree non raggiunte da infrastrutture convenzionali per l'elettricità.

A svilupparlo è stata Panasonic. Il container è composto da 12 moduli fotovoltaici in grado di generare circa 3 kW di elettricità, 24 accumulatori al piombo (per una capacità totale di 17.2 kWh), che possono successivamente rilasciare l'energia immagazzinata, e un'unità di controllo dell'alimentazione, che funge da sistema di gestione dell'energia.

I Container di Alimentazione forniranno energia elettrica alla attrezzature come luci e ventilatori, così come per gli strumenti didattici quali computer, proiettori e Tv, durante l'orario scolastico della National Elementary School di Karimunjawa, distretto di Jepara nella provincia centrale di Java, Indonesia, mentre l'energia in eccesso generata fuori delle ore di scuola sarà distribuita alla comunità locale, contribuendo a stabilizzare la richiesta locale di energia.

Nell'arcipelago di Karimunjawa l'elettricità è disponibile solo di notte in quanto prodotta da generatori diesel, e ciò porta ad avere un ambiente educativo carente. Per risolvere questo problema, Panasonic fornirà i suoi Container di alimentazione, a partire dal mese di luglio 2014.

Panasonic PSC system structure E

"Panasonic continuerà a sviluppare i Container di alimentazione come soluzione ideale per le aree senza elettricità o luoghi in cui i blackout sono più frequenti, come in Indonesia e altri Paesi asiatici e Paesi emergenti, con l'obiettivo migliorare sensibilmente la qualità della vita in sempre più luoghi nel mondo", spiega l'azienda.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

Più luce ai rifugiati: la campagna Ikea per donare lampioni a energia solare

Biomasse e solare a concentrazione insieme: un motore per l'autoconsumo di energia e calore

Solare a concentrazione: un sistema off grid per portare energia e acqua potabile in Africa

GreenBiz.it

Network